menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Multe prese stazione "annullabili" Class action di Federcontribuenti

Molteplici le carenze che renderebbero le sanzioni "poco più che carta straccia". L'associazione contesta l'assenza di un'adeguata segnalatica verticale e orizzontale nel piazzale dello scalo ferroviario di Padova

Molteplici le carenze che renderebbero le multe comminate in stazione a Padova "poco più che carta straccia". A sostenerlo è Federcontribuenti, che contesta l'assenza di un'adeguata segnalatica nel piazzale dello scalo ferroviario cittadino.

"MULTE ANNULLABILI". "Migliaia di multe si stanno abbattendo sui cittadini di Padova e su tutti quelli che hanno creduto che l’apertura al traffico di piazzale della Stazione fosse effettivo. In realtà - spiega il coordinatore Nord Est di Federcontribuenti Marco Alberto Zanetti - siamo di fronte ad un passaggio a pedaggio sia sul lato est sia sul lato ovest. Nei prossimi giorni manderemo una lettera di diffida al comune di Padova - continua - perchè vengano sanate alcune situazioni di evidente carenza della segnaletica verticale ed orizzontale. E nel frattempo diciamo alle migliaia di automobilisti che sono stati multati che si rivolgano alla nostra associazione: le multe sono evidentemente annullabili".

SUL LATO OVEST. "Un automobilista si immette nella corsia degli autobus senza rendersene conto perchè a terra ci sono solo due linee slavate lungo il marciapiede - spiega l’avvocato Zanetti - e nessuna scritta orizzontale sull’asfalto".

SUL LATO EST. Le scritte ci sono invece sul  lato est del piazzale: "Ma lì siamo al ridicolo - rincara la dose l'avvocato Zanetti - per cui il cartello che avvisa del varco è successivo al varco stesso, ed inoltre entrambi i cartelli sono di una misura inferiore rispetto allo standard previsto dalla legge. Basta confrontarli con quelli che avvisano dei varchi di accesso alla Ztl".

CLASS ACTION. Quindi multe (da 84 euro al colpo) annullabili? "Certamente sì - spiega il responsabile nordestino di Federcontribuenti - stiamo addirittura studiando la possibilità di costituire una class action contro il comune di Padova. Le carenze di segnaletica, oltre ad una certa mancanza oggettiva di ratio della corsia privilegiata solo per una ventina di metri sul lato ovest del piazzale, ci inducono ad essere fiduciosi sui ricorsi già in partenza per la prossima settimana". Capofila un primo gruppo di una trentina di multati, tra cui il record poco invidiabile di una giovane automobilista veneziana, che senza accorgersene avrebbe violato il varco ovest per almeno una quindicina di volte: un conto potenziale che supera i milleduecento euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento