menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Narcotizza una paziente con il benzodiazepine e la violenta: infermiere arrestato

Nella tarda serata di mercoledì, i carabinieri del Nas di Padova hanno arrestato, in flagranza del reato di violenza sessuale aggravata, C.E., romeno 41enne residente a Padova, infermiere nel reparto di Neurochirurgia della locale Azienza ospedaliera

Nella tarda serata di mercoledì, i carabinieri del Nas di Padova hanno arrestato, in flagranza del reato di violenza sessuale aggravata, C.E., romeno 41enne residente a Padova, infermiere nel reparto di Neurochirurgia della locale Azienza ospedaliera.

LE SEGNALAZIONI DELL'AZIENDA OSPEDALIERA. Le indagini sul conto dell’uomo sono partite da alcune segnalazioni inviate dalla stessa Azienda ospedaliera alla Procura della Repubblica di Padova, in merito a presunte somministrazioni di farmaci a base stupefacente in maniera errata e/o al di fuori di terapie in atto, effettuate nel Reparto di Neurochirurgia nei confronti di pazienti di sesso femminile.

PAZIENTI NARCOTIZZATE. Una prima fase investigativa ha permesso di assumere informazioni dal personale sanitario del Reparto che hanno indotto a sospettare che un infermiere, in maniera del tutto autonoma, procedesse alla somministrazione di farmaci a base di benzodiazepine, non prescritte né autorizzate, senza un’apparente motivazione.

IL SOSPETTO. Gli elementi raccolti hanno portato ad avviare dalla fine del mese di novembre 2016 delle specifiche indagini sull'uomo, proprio per appurare le finalità e le motivazioni che lo avrebbero indotto a tenere un simile comportamento, indagini che hanno fatto emergere il sospetto che l’infermiere sedasse le proprie vittime con il preciso scopo di molestarle sessualmente, mediante palpeggiamenti e scatti fotografici di parti intime. 

COLTO SUL FATTO. Tale sospetto ha trovato piena conferma nella serata del 4 gennaio 2017, quando l’infermiere, dopo avere sedato una paziente 58enne ricoverata nel reparto di Neurochirurgia con l’iniezione di un potente sedativo, l'ha violentata sessualmente. L'immediato intervento dei militari negli istanti successivi alla consumazione del reato ha portato all’arresto in flagranza dell’uomo, attualmente ristretto nella casa circondariale di Padova dopo la convalida dell’arresto avvenuta domenica scorsa da parte del gip.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento