menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di archivio

Immagine di archivio

“Un Natale Sicuro”: oltre 100 test spettrometrici sui giocattoli di 30 importatori

"Il responso è in linea di massima positivo per la grandissima parte dei prodotti controllati - spiega Adiconsum Veneto - Ad eccezione di un giocattolo, prelevato in un punto vendita del Padovano che è risultato contenere ftalati usati nell'industria delle materie plastiche"

Tra fine novembre a metà dicembre sono stati controllati 5 diversi punti vendita situati nelle province di Venezia, Padova e Verona. Oltre 100 i test spettrometrici effettuati su altrettanti giocattoli per bambini immessi nel mercato italiano da 30 tra i più noti importatori del settore. "I prodotti, tutti di plastica, - spiega Adiconsum Veneto - sono stati prelevati casualmente dai banchi vendita e testati per accertarsi che la loro composizione rispettasse la normativa sulla sicurezza dei giocattoli emanata con il decreto legislativo 11 aprile 2011 n. 54".

RESPONSO POSITIVO.

"Dalla lettura dello spettrometro - spiegano - si sono individuati 40 campioni di giocattoli con componenti (cadmio, piombo, alluminio) che potevano essere superiori alla norma. I campioni sono stati quindi inviati al laboratorio convenzionato che ha provveduto, come previsto dalla legge 24/11/81 n.689 art.15, ad informare sui risultati le aziende importatrici. Le analisi chimiche effettuate dal laboratorio hanno riscontrato che tutti parametri rientravano nella norma o che, in alcuni casi, non erano trasmissibili. Un responso quindi positivo per la grandissima parte dei prodotti controllati. Ad eccezione di un giocattolo, prelevato in un punto vendita della provincia di Padova dalla Guardia di Finanza e dagli Ispettori della Camera di Commercio, che è risultato contenere ftalati usati nell'industria delle materie plastiche come agenti plastificanti e che hanno effetti critici che riguardano la tossicità epatica, testicolare e riproduttiva".

LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE.

"Il fatto che la quasi totalità dei test siano “negativi” non riscontrino cioè la presenza di sostanze pericolose per la salute del bambini - fa sapere Adiconsum Veneto - rappresenta una notizia rassicurante nel settore giocattoli nel quale non si deve però abbassare la guardia nella vigilanza dei prodotti. Nei 634 test spettrometrici effettuati nel corso dell’anno su prodotti in metallo, a diretto contatto con la pelle, pellame e materiale plastico in generale, hanno portato a rilevare 88 campioni “sospetti”. Il dato più sconcertante è che 32 prodotti, degli 88 testati dai laboratori, hanno confermato i dati rilevati dallo spettrometro confermando il contenuto di sostanza tossiche. Grazie anche alla Regione Veneto che ha rifinanziato il progetto anche per il 2018 e 2019, Adiconsum continuerà la lotta alla contraffazione e per la salubrità dei prodotti". La campagna “Un Natale Sicuro” è un progetto ideato e pianificato da Adiconsum Veneto, per testare un mercato, quello dei giocattoli, altamente sensibile per la salute dei bambini. Il progetto è realizzato in collaborazione con  la Regione del Veneto, il comando regionale Veneto della Guardia di Finanza, la Camera di Commercio di Padova, la polizia locale di Marcon (Venezia) e il laboratorio Eurolab di Vicenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Come fare una manicure semipermanente in casa senza l’uso della lampada

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento