menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Irregolarità nei negozi cinesi: sequestrati capelli sintetici non a norma

Il blitz della polizia municipale ha interessato gli esercizi commerciale in zona Stazione. Le infrazioni accertate per l'etichettatura dei prodotti venduti e saldi non trasparenti

Controlli mirati, da parte dei vigili, ai negozi gestiti da cinesi in zona Stazione a Padova. Tra le varie irregolarità contestate, anche la messa in vendita di 61 confezioni di capelli sintetici - subito sequestrati - con etichette non a norma. Al gestore è stata elevata una sanzione amministrativa di 1032 euro nonchè un secondo verbale da 516 euro per la mancata revisione della bilancia per la pesatura dei prodotti sfusi presente all'interno dello stesso locale.

ETICHETTE E SALDI NON TRASPARENTI. In un negozio di abbigliamento al cavalcavia Borgomagno sono state riscontrate altre irregolarità nell'etichettatura: l'etichetta di composizione, che dovrebbe essere apposta sui prodotti tessili, non c'era oppure riportava indicazioni parziali o erronee. Per tale violazione il titolare è stato sanzionato ma, come previsto dalla normativa di settore, l'importo verrà stabilito dalla Camera di Commercio tra il limite minimo di 103 euro e massimo di 3098. Il commerciante comunque si è visto consegnare una multa di 1032 euro perché i saldi non erano comunicati in modo corretto: su quasi tutti i capi esposti mancava l'indicazione del prezzo iniziale, la percentuale di sconto e il prezzo finale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento