Cronaca

No Tav, scontri in Val di Susa: c'è Zeno Rocca tra i 47 condannati

L'attivista del centro sociale Pedro, recentemente colpito da un foglio di via che gli impedisce di mettere piede a Padova, è stato condannato a 3 anni e 9 mesi nel processo per gli episodi del 27 giugno e 3 luglio 2011

Zeno Rocca "scortato" dai compagni a prendere il treno in stazione a Padova (fonte: globalproject.info)

Il maxiprocesso No Tav di Torino si è chiuso martedì con 47 condanne, circa 150 anni di carcere e sei assoluzioni. Ad essere imputate 53 persone, tutte attiviste del movimento contro l'alta velocità, responsabili per gli scontri con le forze dell'ordine al cantiere di Chiomonte avvenuti il 27 giugno e il 3 luglio del 2011.

CONDANNATO ANCHE ZENO ROCCA. Alla manifestazione del 3 luglio aveva preso parte anche l'attivista del centro sociale Pedro, Zeno Rocca, condannato a 3 anni e 9 mesi (erano stati chiesti 3 anni e 10 mesi). Rocca era già stato arrestato in passato, oltre che per gli scontri in Val di Susa, assieme ai No Tav, anche per episodi simili avvenuti a Padova, dove abitava da tempo (pur essendo residente a Pescantina nel Veronese), e da cui lo scorso 14 gennaio è stato allontanato con un foglio di via della validità di 3 anni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No Tav, scontri in Val di Susa: c'è Zeno Rocca tra i 47 condannati

PadovaOggi è in caricamento