Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Albignasego

Lutto nello sport: muore a soli 18 anni una giovane promessa della Padova Nuoto

Si è spenta nei giorni scorsi Sara Tramonti: classe 2001 già da esordiente si era fatta notare per il fisico minuto, la grande frequenza di bracciate e gli ottimi risultati

Sara Tramonti, giovane di Albignasego e atleta della Padova Nuoto, si è spenta nei giorni scorsi per un male incurabile. I funerali si svolgeranno mercoledì 10 luglio alle ore 16 nella chiesa di San Lorenzo ad Albignasego. Nella stessa chiesa martedì 9 luglio alle ore 20, sarà recitato il Santo Rosario. La famiglia chiede “No fiori ma donazioni ad AIL – servizio di cure domiciliari Oncoematologia Pediatrica e Fondazione Città della Speranza”.

Il lutto nel nuoto

Daniela Bardelle, direttore Padova Nuoto: «La vita di Sara è per noi e soprattutto per i suoi compagni di squadra, un insegnamento indelebile: lei ha lasciato un ricordo bellissimo in tutti coloro che l’hanno conosciuta, tutti ne parlano con grande affetto. Sara era una persona molto determinata nello sport e questo suo essere decisa l’ha aiutata anche nella vita ad affrontare la malattia. Era una vera atleta, in vasca e fuori: Sara era una promessa del nuoto non solo perché era brava e capace di ottenere dei buoni risultati, ma soprattutto perché era innamorata di questo sport e della sua squadra. Una ragazzina che non si risparmiava e che ha lottato con tutta se stessa contro la malattia,riuscendo anche a ritornare in acqua. Molto legata ai suoi allenatori Alberto Lindaver e Annachiara Caselli e ai compagni di squadra, si è stretta a loro anche negli anni della malattia. Siamo vicini ai genitori di Sara e al fratello, agli allenatori e ai compagni di squadra che con lei hanno nuotato».

Giovane promessa

Già da esordiente si era fatta notare per il fisico minuto, la grande frequenza di bracciate e gli ottimi risultati che riusciva ad ottenere. Ha continuato a nuotare finché è riuscita a farlo, voleva nuotare e voleva gareggiare. Il suo primo allenatore Alberto e molti altri compagni di spogliatoio le sono stati vicini durante la lunga malattia, ricevendo da Sara la positiva forza che le permetteva di continuare a lottare. Non sono bastati 3 trapianti, e 6 lunghi anni di speranza e sofferenza per guarire. La ricordiamo felice alla sua ultima medaglia del 17 marzo del 2013 al meeting regionale esordienti 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lutto nello sport: muore a soli 18 anni una giovane promessa della Padova Nuoto

PadovaOggi è in caricamento