Catturato nuovamente lo straniero espulso per aver devastato un ufficio postale: era tornato in paese

Il quarantenne per le norme anti-Covid non era stato rimpatriato: i carabinieri di Piove di Sacco l'hanno rintracciato in un bar del paese, lui ha distrutto una macchina

Era nuovamente tornato a Piove di Sacco, dopo essere stato accompagnato in un centro vicino a Roma per la sua espulsione, il marocchino che lo scorso febbraio aveva creato non pochi problemi alla comunità. Lo straniero aveva danneggiato l’ufficio postale del paese della Saccisica che era rimasto chiuso per 10 giorni. Le motivazioni? Non gli era arrivato il reddito di cittadinanza. Qualche giorno più tardi era stato di nuovo denuciato per aver occupato abusivamente un'abitazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non si rassegna

Il 15 febbraio su proposta dei carabinieri della locale compagnia nei confronti del quarantenne Abdelouahed Atourabi era stata disposta la revoca del permesso di soggiorno ed era stato accompagnato dai militari al centro di accoglienza di Ponte Galeria, vicino a Roma, dal quale avrebbe dovuto essere espulso. Qualche giorno dopo il suo arrivo, però, sono scattate le misure per contenere il diffondersi dell’epidemia da coronavirus che hanno reso impossibile eseguire materialmente il provvedimento di espatrio per la chiusura delle frontiere tanto che il nord africano era stato liberato. L'uomo ha fatto ritorno a Piove di Sacco e i militari si sono messi di nuovo alla sua ricerca, rintracciandolo nel pomeriggio di giovedì all’interno di un bar del paese. Successivamente è stato accompagnato in Questura a Padova per la notifica di un secondo provvedimento di espulsione e quindi trasportato al centro di permanenza temporanea di Gradisca d’Isonzo. Lungo la strada lo straniero, che non si rassegnava all’idea di dover lasciare l’Italia, è andato in escandescenza reagendo violentemente nei confronti dei militari e provocando dei lievi danni al mezzo di servizio, senza per fortuna conseguenze fisiche per i militari. In serata è stato affidato al personale del centro per il suo definitivo allontanamento dal territorio nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • Coronavirus, Zaia: «Stiamo iniziando a entrare nel vivo della battaglia»

  • Il miglior panettone del mondo si trova alla pasticceria Estense: Francesco Luni vince l’oro assoluto

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento