Altri 15 profughi a Bagnoli: la rabbia di Milan, Minniti si scusa, il prefetto: "Solo poche ore"

La notizia dell'arrivo di altri 15 migranti all'indomani dell'incontro dei sindaci con il Ministro

Solo ieri, martedì 21 marzo, i sindaci di Bagnoli, Agna e Cona, Roberto Milan, Gianluca Piva e Alberto Panfilio, avevano incontrato il ministro dell'Interno Marco Minniti. Lo avevano fatto a poche ore dall'arresto di un profugo nigeriano, ospite del centro di accoglienza di Bagnoli, ritenuto responsabile della tentata violenza sessuale subìta venerdì sera da una donna del posto e di un'ulteriore aggressione, ai danni di una 21enne, accaduta il 9 febbraio. Il responsabile del Viminale aveva rassicurato i primi cittadini del cosiddetto "distretto del profugo", annunciando la sua intenzione di ridurre la concentrazione di migranti nelle due strutture ravvicinate del Padovano e del Veneziano, fino a chiudere definitivamente i due hub.

LA RABBIA DI MILAN. A meno di 24 ore dall'incontro con il Ministro, però, mercoledì è giunta la notizia dell'arrivo, nell'ex base di San Siro, di ulteriori 15 richiedenti asilo, che vanno ad aggiungersi agli attuali 800 ospiti del Cpa. "Questa è una beffa - ha affermato il sindaco di Bagnoli di Sopra Roberto Milan - ne ho avuto conferma dalla Prefettura di Padova, si tratta di 15 persone giunte con gli ultimi sbarchi. A questo punto siamo pronti alle barricate. E questo - ha proseguito - poche ore dopo che il ministro Minniti, nell'incontro di ieri a Padova, ci aveva rassicurato che i numeri sarebbero stati ridotti".

LA TELEFONATA DI MINNITI. Immediata la risposta di Minniti. A riportarla è lo stesso Milan: "Mi ha chiamato al telefono, scusandosi", ha spiegato il primo cittadino, aggiungendo che "questa scelta infelice è stata fatta dalla Prefettura di Padova".

LA PRECISAZIONE DELLA PREFETTURA. A chiudere la vicenda è stato, in serata, il prefetto di Padova, Renato Franceschelli, che, con una nota, ha precisato la situazione:"I soggetti in questione, già in viaggio dai porti di sbarco della Sicilia e destinati ad occupare spazi resi disponibili presso altre strutture, sono stati temporaneamente appoggiati presso quel centro. In serata si procederà al trasferimento di quindici migranti presso altra destinazione". Già mercoledì sera, quindi, i nuovi migranti abbandoneranno il centro di accoglienza di San Siro per essere trasferiti in strutture di accoglienza diffusa. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camerieri di un ristorante del centro pestati a sangue: mascella distrutta per uno dei due

  • Tre acconciature da fare prima di andare a letto per avere boccoli morbidi e voluminosi al mattino

  • Un vero regalo di Natale: musei gratis per un mese per padovani e studenti universitari

  • Sangue sulle strade padovane: frontale auto-furgone, un morto e due feriti

  • Parto di emergenza riuscito alla perfezione: la "nascita-lampo" di Ginevra a Camposampiero

  • Dalle minacce all'aggressione: due rapper accoltellati a Padova

Torna su
PadovaOggi è in caricamento