rotate-mobile
Cronaca

Nuovo ospedale, tavolo tecnico in Regione: ancora un rinvio, si deciderà il 27 novembre

Dopo anni di proposte, progetti e dibattiti è arrivato il giorno X per il polo ospedaliero della città del Santo. Vertice a palazzo Balbi tra tutti i soggetti in causa

Lunedì mattina i vertici della Regione, del Comune di Padova, della Provincia, dell'Università patavina, l’Azienda Ospedaliera e dell’Istituto Oncologico Veneto si sono incontratii a palazzo Balbi per il tavolo istituzionale per discutere dell'annosa questione Nuovo ospedale di Padova. Tavolo che è stato rinviato come dichiarato dal governatore Luca Zaia: "Decisione rinviata a lunedì 27 novembre, nel frattempo chiesto al dott. Flor dell'Azienda ospedaliera di fare l'ennesimo punto della situazione ma ho anche chiesto al tavolo di non fare più nessuna proposta perchè non verrà accolta".

IL SINDACO.

L'intervento del sindaco di Padova Sergio Giordani in Regione: "...La priorità è che Padova sia messa nelle condizioni di avere un nuovo polo della salute e della ricerca, è questa la sfida con cui tutti noi ci confrontiamo e non sarò certo io a sottrarmi. Veniamo da un dibattito pubblico molto acceso, ho ascoltato con rispetto tutte le posizioni, ma confermo che credo fortemente che si debba favorire una moratoria su un tema così importante, riconducendolo a valutazioni serene tra interlocutori istituzionali a partire da oggi, e auspico congiuntamente a un percorso rigoroso ed oggettivo di tipo tecnico che per me resta la via maestra per fare bene e fare presto....La nostra amministrazione dopo una attenta riflessione che ha tenuto conto di una molteplicità di parametri, che dobbiamo avere necessariamente a mente come amministrazione comunale, ha valutato che sia preferibile lo sviluppo di un nuovo polo della salute e della ricerca nel sito attuale di via Giustiniani. Consapevoli che si tratta di un contributo alla discussione, ho provveduto a inviare a ciascuno di voi nelle scorse settimane il progetto di prefattibilità redatto dall’architetto Maurizio Striolo, che oggi siede con noi, della delegazione dei rappresentanti del Comune di Padova. Si tratta di un piani plani volumetrico dettagliato con la possibilità di procedere per stralci funzionali...Nessuna impuntatura, quindi, nessuna sfida, nessuna indisponibilità a un dialogo a 360 gradi che porti anche a prendere atto delle nuove e avanzate soluzioni. Chiedo, però, con forza che queste nostre valutazioni, come quelle di tutti, siano vagliate e prese in considerazione in maniera seria e si prenda anche atto che si tratta di un impianto progettato profondamente diverso da quello che legittimamente aveva presentato l’ex Sindaco Bitonci all’avvio della sua amministrazione.

IPOTESI.

Tre le ipotesi sul tavolo: Padova Est, il progetto è nato dall’amministrazione Bitonci bocciato dall’attuale amministrazione che dopo aver sostenuto in campagna elettorale l'ipotesi nuovo su vecchio (seconda ipotesi), recentemente ha optato per l'opzione "di via dei Colli" (terza ipotesi). La scorsa settimana, il sindaco Giordani ha inviato una lettera al governatore Zaia dove ha sottolineato l'inefficacia della promessa di cessione gratuita delle aree pubbliche a San Lazzaro da parte del predecessore Bitonci.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo ospedale, tavolo tecnico in Regione: ancora un rinvio, si deciderà il 27 novembre

PadovaOggi è in caricamento