menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'area a Padova Ovest dove dovrebbe sorgere il nuovo ospedale

L'area a Padova Ovest dove dovrebbe sorgere il nuovo ospedale

Nuovo ospedale di Padova, Zaia "Valutare la posizione del sindaco"

Il governatore del Veneto interviene sul progetto del nuovo polo sanitario, il cui iter è già stato avviato, ma fortemente osteggiato dal neo eletto Bitonci, che propende per una ristrutturazione dell'esistente

Il tema del nuovo ospedale torna alla ribalta, a meno di un mese dall'elezione della nuova amministrazione comunale di Padova, guidata dal leghista Massimo Bitonci, che in campagna elettorale ha portato avanti la propria battaglia contro il progetto di realizzazione ex novo del polo sanitario locale in favore di una ristrutturazione dell'esistente.

ZAIA APRE A BITONCI. "Per andare verso la costruzione del nuovo ospedale di Padova, il cui iter era già partito, o per scegliere se ristrutturare il vecchio, bisognerà anche valutare la posizione del nuovo sindaco della città - ha dichiarato il governatore del Veneto, a sua volta leghista, Luca Zaia - La posizione del Comune è fondamentale, perchè è il governo di tutte le norme di natura urbanistica e per la compartecipazione sulle spese dell'area individuata. Altrettanto 'fondamentale' sarà la riunione con la nuova amministrazione comunale - ha aggiunto - anche perchè entro fine luglio bisogna chiarire fino in fondo. È vero che il sindaco pone delle perplessità e dei quesiti, ed è giusto che la commissione che si è sempre occupata di questo li affronti nella totale trasparenza e tranquillità".

AZIENDA OSPEDALIERA. Dal proprio canto, l'Azienda ospedaliera di Padova, stazione appaltante per la realizzazione del nuovo ospedale, ha dichiarato in una nota che "nessun elemento formale ed ufficiale è emerso ad oggi tale da bloccare la procedura sancita nell'accordo per la realizzazione del nuovo polo della salute di Padova sottoscritto il 2 luglio 2013 dagli enti Regione, Provincia, Comune, Università, Iov e Azienda Ospedaliera".

PIPITONE (IDV). "Perché Zaia non ha fatto chiarezza, rimandando la patata bollente al comitato, chiamato a studiarsi le carte e convocato entro fine mese? Il project financing che fine fa? - ha commentato il capogruppo regionale di Italia dei Valori Antonino Pipitone, medico di professione - Anche se la Regione dicesse addio al project, questo non ci metterebbe automaticamente al sicuro: l'associazione di imprese proponenti avrebbe già speso 16 milioni di euro tra fideiussione e progettisti. Chi pagherà, se ci saranno, i danni per una scelta sbagliata fin dall'inizio? Zaia se ne deve assumere in pieno la responsabilità. Non può palleggiarla con Bitonci. Troviamo inaudito che sia il sindaco di Padova che dice al presidente della Regione se fare o meno il nuovo ospedale. Le politiche sanitarie regionali non possono essere un affare tra leghisti, governate da piccoli interessi di partito. L'ospedale patavino è un'eccellenza che va valutata nel contesto dell'intero panorama sanitario, non solo regionale, ma nazionale ed europeo. L'ospedale – ha concluso Pipitone - è ancora indicato nel piano sanitario regionale: se andrà realizzato, noi rivendichiamo che vada fatto solo con fondi pubblici".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento