menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'area a Padova ovest in cui dovrebbe sorgere il nuovo ospedale

L'area a Padova ovest in cui dovrebbe sorgere il nuovo ospedale

Nuovo ospedale, emendamento IdV per il 1° milione bocciato

La "cifra non simbolica anche se modesta" per impegnare la Regione a far decollare il nuovo policlinico ospedaliero di Padova non è stata approvata. Zorzato (Pdl): "No a forzature nel percorso"

Con 17 voti favorevoli, 31 contrari e 2 astenuti l'emendamento al Bilancio della Regione per stanziare il "primo" milione di euro per la progettazione del nuovo ospedale di Padova, presentato per il terzo anno consecutivo da Italia dei Valori, non è passato.

L'IDV. "Lo ripetiamo da anni, nel bilancio regionale per il nuovo ospedale di Padova non c’è il becco di un quattrino - commenta rammaricato il capogruppo regionale di Idv Antonino Pipitone - Invece di preoccuparsi solo dell’aspetto mediatico della vicenda, Zaia e la sua maggioranza potevano fare qualcosa di concreto. Vogliamo cose reali: atti amministrativi reali e fondi a bilancio, altrimenti è tutta aria fritta, ed un concreto progetto finanziario, senza incertezze e totalmente trasparente".

IL PD. L'emendamento era sostenuto anche dai consiglieri padovani del Pd Piero Ruzzante e Claudio Sinigaglia, che con un subemendamento chiedevano di indirizzare l'eventuale stanziamento allo studio di fattibilità dell'opera la cui realizzazione è stimata in 650 milioni di euro.

NUOVO OSPEDALE: LA CRONISTORIA

IL PDL. "Un milione di euro costituirebbe uno stanziamento del tutto insufficiente anche per la sola progettazione", ha contestato in aula Piergiorgio Cortelazzo, vicecapogruppo del Pdl, che si é dichiarato contrario all'emendamento perché sarebbe andato a finanziare la progettazione di un'opera, pensata come polo di eccellenza della sanità veneta, per la quale non c'é alcuna certezza di finanziamento. "Il nuovo ospedale di Padova si potrà fare solo se si troveranno i soldi", ha spiegato Cortelazzo. "Non mettiamo il carro davanti ai buoi - ha invitato Marino Zorzato, vicepresidente della Giunta - e lasciamo lavorare la Giunta. I soggetti interessati alla nuova opera devono ancora sottoscrivere un protocollo d'intesa, non ha quindi senso votare atti di pressione per accelerare i tempi e introdurre forzature nel percorso".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento