rotate-mobile
Cronaca

La Consulta boccia il Veneto sui vaccini, Luca Coletto: “I primi sì vax eravamo noi”

La Corte Costituzionale respinge i ricorsi della Regione. Secondo i giudici il mancato rispetto non blocca l'iscrizione a scuola. Scatta la polemica

L'introduzione dei dieci vaccini obbligatori per l'accesso a scuola è legittima: è una misura giustificata dal calo delle immunizzazioni, ma il mancato rispetto non può comportare l'esclusione dalla scuola dell'obbligo. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale che, mercoledì, ha bocciato i due ricorsi presentati dalla Regione Veneto sulla legge varata dal governo Gentiloni. Le questioni sollevate dal governatore Luca Zaia, come sono state giudicate "non fondate". Zaia aveva presentato due ricorsi, il 13 giugno e il 4 settembre scorso, dopo che era entrato in vigore l'obbligo di dieci vaccini pena la non iscrizione a nidi e asili degli alunni fino ai 6 anni e sanzioni. La novità ha suscitato forti reazioni in Regione.

LE DICHIARAZIONI.

“Così come abbiamo preteso rispetto e applicazione per le molte sentenze che ci hanno dato ragione, rispetteremo e applicheremo questa, senza se e senza ma. Resta però l’amarezza per lo stop che arriva a un modello vaccinale che ha avuto un decennio di successi e ne stava registrando ancora, con aumenti di copertura vaccinale significativi seguiti a un calo poderoso registrato in tutta Italia, grazie anche al terrorismo delle fake news, che noi combattevamo con l’informazione e la condivisione dei processi vaccinali con i genitori. Fossi nel Governo, e in certi Parlamentari che vaneggiano su un presunto spreco di fondi, aspetterei a festeggiare. Temo che l’obbligo alla lunga possa rivelarsi un boomerang”. Lo dice l’assessore regionale alla Sanità del Veneto Luca Coletto, commentando la sentenza della Corte Costituzionale, che ha rigettato il ricorso del Veneto contro la legge che introduce l’obbligatorietà dei vaccini.

A FAVORE DEI VACCINI.

“Spiace – aggiunge Coletto -  che per difendere una legge che continuiamo a definire sbagliata, una intera amministrazione sia stata omologata ai no vax mentre è sempre stato evidente che noi siamo a favore delle vaccinazioni, ma col consenso dei genitori e delle famiglie, che vanno informati per essere convinti, e verso i quali non è costruttivo operare con obblighi e multe ma soltanto con il convincimento e la persuasione”. Coletto richiama quindi l’attenzione su “un paio di aspetti che mi lasciano perplesso”. “Nella sentenza della Consulta – fa notare – si dice anche che ‘la mancata vaccinazione non comporta l’esclusione dalla scuola dell’obbligo dei minori, che saranno, di norma, inseriti in classi in cui gli altri alunni sono vaccinati’. Esattamente il concetto della copertura di gregge applicato da noi, laddove prevedevamo lo spostamento del bimbo non vaccinato qualora la sua classe non raggiungesse il 95% di vaccinati. Si trovi la differenza se ci si riesce”.

IL DECRETO LEGGE.

“Non convince poi - lasciatemelo dire aggiunge Coletto - l’imposizione di un obbligo vaccinale per malattie come il tetano, che non sono contagiose, e il perché un minore non vaccinato per il tetano, malattia appunto non contagiosa, debba essere escluso dalla frequenza delle scuole per l’infanzia. La vaccinazione per il tetano è molto utile per la protezione individuale (e infatti in Veneto è raccomandata) ma non concretizza certo quell’interesse della collettività che la stessa Consulta aveva in passato ritenuto necessario perché lo Stato potesse imporre un obbligo”. “Altro aspetto da sottolineare – conclude l’Assessore Veneto - è che non si capisce perché, se c’era tanta urgenza da agire con un decreto legge, si sia poi previsto che pagando una sanzione da 100 a 500 euro sia consentito ai non vaccinati di frequentare la scuola dell’obbligo. Vuol dire che i ricchi non sono contagiosi?”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Consulta boccia il Veneto sui vaccini, Luca Coletto: “I primi sì vax eravamo noi”

PadovaOggi è in caricamento