menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Condannato per l'omicidio della figlia "troppo occidentale": espulso 12 anni dopo

Marocchino, 64 anni, nel 2004 a Grantorto uccise la figlia a bastonate. Uscito dal carcere nel 2013 e successivamente in libertà vigilata, non gli è stato rinnovato il permesso di soggorno

Il 25 settembre del 2004 la comunità italiana e straniera di Grantorto venne scossa dalla brutale uccisione, a bastonate, di una ragazza 19enne, di origini marocchine, operaia, Koutar Lhasni, per mano del padre Mohamed, oggi 64enne e residente a San Pietro in Gu. Una figlia che ambiva a uno stile di vita "troppo occidentale" per il genitore che, al culmine dell'ennesima violenta lite, si trasformò nel suo assassino. Condannato per omicidio a 15 anni con rito abbreviato, uscito dal carcere a seguito di sconti di pena nel 2013 e successivamente in libertà vigilata, ora, a distanza di 12 anni da quell'efferato delitto, è stato espulso dall'Italia.

"PERICOLO PER L'ORDINE PUBBLICO". Scadutogli il permesso di soggiorno, il questore di Padova, Gianfranco Bernabei, ha firmato il decreto di espulsione il 27 giugno scorso, nel quale si sottolinea il suo "contesto socio-culturale incompatibile con i principi fondanti della Repubblica italiana". L'uomo ha fatto ricorso, ma gli è stato rigettato in quanto ritenuto un "pericolo per l'ordine pubblico", pertanto, martedì, i carabinieri della stazione di Carmignano di Brenta hanno eseguito l'espulsione con imbarco immediato dall'aeroporto di Tessera verso la madrepatria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Este: esplode bombola di gas, un uomo ferito gravemente

  • Cronaca

    Auto investe pedone: la vittima è deceduta

  • Sport

    Cittadella, a Empoli è 1 a 1

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento