menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stanghella, uccise l'ex: pena dimezzata a 17 anni in appello

Il venir meno dell'aggravante dei mezzi insidiosi, come il sacchetto di plastica fissato sul volto della vittima Luana Bussolotto per soffocarla, ha portato i giudici allo "sconto" di pena per il 26enne Luca Bedore

La Corte d'appello ha ridotto a 17 anni e 4 mesi la pena di reclusione per Luca Bedore, il 26enne di Stanghella che in primo grado di giudizio era stato condannato al massimo previsto, 30 anni. Il giovane è ritenuto colpevole di aver ucciso, la sera di Pasqua del 2009, la sua ex fidanzata appena trasferitasi a Noventa Vicentina Luana Bussolotto, che aveva deciso di troncare la relazione sentimentale.

LO SCONTO DI PENA. I giudici hanno confermato la responsabilità di Bedore, ma il venir meno dell'aggravante dei mezzi insidiosi, come il sacchetto di plastica fissato sul volto della vittima per soffocarla, li ha portati a decidere per lo “sconto” di pena.


L'OMICIDIO. Bedore aveva cercato di uccidersi accoltellandosi in diverse parti del corpo e vegliando la morta per una intera notte. Elemento a suo carico era poi risultata la telefonata registrata con la quale aveva chiesto aiuto al Suem di Vicenza. In quella telefonata aveva detto chiaramente di aver ucciso la fidanzata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento