Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Omicidio Regeni, l'università di Padova chiede chiarezza: "Ucciso per il suo lavoro"

Il senato accademico dell'ateneo patavino, colpito dalla vicenda del ricercatore morto mentre lavorava in Egitto, ha chiesto al governo di fare luce sulla vicenda

L'omicidio del giovane Giulio Regeni ha colpito anche l'università di Padova. Ecco la mozione appena approvata dal senato Accademico dell'UAteneo relativa al tragico fatto successo in Egitto. 


PIENA CHIAREZZA. "Due settimane fa è stato torturato e barbaramente ucciso in Egitto Giulio Regeni, dottorando italiano che lavorava per l’Università di Cambridge. Se pure ancora non sono noti gli autori del delitto è ormai evidente come Giulio Regeni sia stato ucciso a causa del suo lavoro di ricerca, mentre cercava di capire e conoscere i movimenti sindacali, in un paese in cui le libertà civili e politiche promesse dalla primavera di piazza Tahrir sono ormai lontane. Il suo esempio ha colpito profondamente la comunità accademica mondiale e non può che toccare in modo particolare l’università di Padova. La libertà di insegnamento e di ricerca è stata la ragione della sua fondazione 794 anni fa, e quel desiderio ardente di libertà è rimasto nel suo motto Universa Universis Patavina Libertas, “ Per tutti e tutta intera la libertà padovana". Per questo stesso anelito di libertà è morto a Giza Giulio Regeni. A nome dell’intera comunità dell’Università di Padova ci stringiamo attorno ai suoi cari e chiediamo accoratamente al nostro governo di ottenere piena chiarezza su quanto avvenuto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Regeni, l'università di Padova chiede chiarezza: "Ucciso per il suo lavoro"

PadovaOggi è in caricamento