menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operai forestali del Parco Colli Euganei, incontro fra sindacati e Regione Veneto: "Soluzione lavorativa in via di definizione"

La Regione del Veneto sta definendo in tutti i passaggi un progetto che ha questo obiettivo, di cui si è parlato nell'incontro, tenutosi a Palazzo Balbi a Venezia, del vicepresidente della Giunta regionale e dell'assessore ai Parchi con i rappresentanti sindacali dei lavoratori

Si avvia ad una progressiva soluzione il problema occupazionale degli operai forestali del Parco regionale dei Colli Euganei. La Regione del Veneto sta infatti definendo in tutti i passaggi un progetto che ha questo obiettivo, di cui si è parlato nell’incontro, tenutosi a Palazzo Balbi a Venezia, del vicepresidente della Giunta regionale e dell’assessore ai Parchi con i rappresentanti sindacali dei lavoratori.

L'IMPEGNO DELLA REGIONE. Anzitutto, la giunta veneta ha assicurato il reperimento di tutte le risorse necessarie a coprire i contratti in essere ed in scadenza nel corso del 2017. La squadra faunistica, implementata di alcune unità, svolgerà sempre maggiori ed efficaci azioni di contrasto alle popolazioni di ungulati grazie ai 200mila euro impegnati giovedì dalla giunta regionale a favore del Parco Colli, così come previsto dall’art. 97 della L.R. 30/2016. Ulteriori risorse sono e saranno rese disponibili per progetti ed interventi destinati alla manutenzione del territorio e della sentieristica, secondo un programma presentato dallo stesso Parco e che verrà approvato da giunta e vonsiglio. Per quanto riguarda le residue risorse necessarie a coprire le esigenze contrattuali per il 2017, stimate in 220mila euro, il vicepresidente ha evidenziato che queste saranno previste nella prossima manovra di assestamento di bilancio.

NEL 2018. Il passaggio finale per dare soluzione definitiva al problema, grazie alla collaborazione con l’assessore all’Ambiente e alla difesa del suolo, potrà arrivare dal 2018 in poi attraverso un progressivo trasferimento di alcuni operai dal Parco Colli all’Unità operativa forestale ovest della Regione, rimpiazzando i pensionamenti previsti, fatto salvo il presupposto che i lavoratori si renderanno disponibili per le attività sia all’interno del parco stesso che nel resto del territorio di competenza della struttura forestale regionale.

ULTERIORI RISORSE. Nel frattempo il Parco Colli sta avviando una serie di progettazioni a valere su programmi comunitari (Italia Croazia e Programma di Sviluppo Rurale) e forme collaborative con altri Parchi regionali, con il fine di introitare ulteriori risorse da impiegare negli interventi di valorizzazione e tutela ambientale dove gli operai forestali svolgono un ruolo fondamentale.

I SINDACATI. "Da parte loro - chiude la nota diffusa dalla Regione - le organizzazioni sindacali valutano positive le soluzioni proposte e ne verificheranno la loro applicazione per garantire continuità occupazionale a tutti i lavoratori".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento