rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Vigonza

Operazione antimafia, 2 arresti nel padovano, Naccarato: "Denunce sottovalutate"

Nella maxi operazione che ha portato in manette 169 persone trovate tra Italia e Germania ci sono due uomini residenti a Vigonza nella provincia euganea

Nella maxi operazione che ha portato all’arresto di 169 persone in Italia e in Germania ci sono due uomini residenti nella provincia di Padova. Come riportano i quotidiani locali le ordinanze sono arrivate al termine di indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro.

IN MANETTE

I due arrestati padovani sono un 49 enne e un 45 enne, entrambi nativi di San Giovanni in Fiore in provincia di Cosenza, residenti a Vigonza, considerati  vicini alla cosca Arena di Isola Capo Rizzuto. Entrambi erano già finiti in manette nell’aprile del 2016 per spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione di armi. Le indagini hanno documentato le infiltrazioni mafiose in diversi settori economici e imprenditoriali, tanto che la cosca gestiva affari per milioni di euro.

NACCARATO

“L'operazione Stige conferma l'intensa attività della Ndrangheta in Veneto e a Padova come già segnalato in diverse interrogazioni parlamentari- spiega Alessandro Naccarato- La fitta rete di traffici illeciti della cosca Farao-Marincola ha esteso la sua influenza dalla Calabria sino alla Germania passando per Emilia Romagna, Veneto, Lombardia e Lazio realizzando un sistema capace di controllare molti settori della vita economica e sociale. La presenza della Ndrangheta in Veneto, oggetto di numerose denunce spesso sottovalutate, è ormai accertata e costituisce una grave minaccia per l'economia e per la legalità. È necessario utilizzare anche qui tutti gli strumenti di prevenzione previsti dalla legge, come le interdittive e i sequestri patrimoniali, e potenziare le iniziative di contrasto e repressione dell'autorità giudiziaria e delle forze dell'ordine”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione antimafia, 2 arresti nel padovano, Naccarato: "Denunce sottovalutate"

PadovaOggi è in caricamento