Ordinanza anti-ebola, prima vittima un nordafricano privo di certificato

Il provvedimento martedì nei confronti di un nigeriano clandestino trovato dai vigili in un negozio gestito da un connazionale in via Buonarroti all'Arcella. Avrà tre giorni per sottoporsi agli esami medici

In meno di una settimana, l'ordinanza "anti-ebola" del sindaco leghista di Padova, Massimo Bitonci, ha mietuto la sua prima vittima.

3 GIORNI PER GLI ESAMI. Durante un controllo martedì da parte della polizia locale all'interno di un negozio gestito da un nigeriano in via Buonarroti all'Arcella, assieme a una decina di persone, è stato infatti trovato all'interno un connazionale clandestino, sprovvisto del certificato medico che ne attestasse lo stato di salute, reso obbligatorio dal provvedimento caldamente voluto dal primo cittadino euganeo che ha invitato i colleghi di tutto il Padovano -  anche attraverso un video - a seguire le sue orme. L'uomo, fotosegnalato e denunciato in quanto irregolare al comando dei vigili in via Liberi, avrà tre giorni di tempo - lo prevede l'ordinanza - per sottoporsi agli esami medici negli ambulatori dell'Ulss. In caso contrario, seguirà la segnalazione alle forze dell'ordine, Prefettura e Ulss.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primi due casi sospetti nel Padovano, l’ospedale di Schiavonia verrà svuotato

  • «Bisogna mozzargli mani e piedi»: minacce via Facebook al sindaco di Cadoneghe

  • Infarto durante l'ora di lezione a scuola: grave una studentessa di 14 anni

  • Si getta sui binari alla stazione di Padova: treni in tilt all'alba di lunedì

  • Morte cerebrale per Anna, la quattordicenne colpita da arresto cardiaco a scuola

  • Auto a fuoco mentre percorre la tangenziale: paura e traffico in corso Australia

Torna su
PadovaOggi è in caricamento