Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca Pontevigodarzere / Via Giulio Romano

In uno zainetto eroina e cocaina per 60mila euro, scatta il sequestro

A distanza di un biennio la Squadra Mobile di Padova ha nuovamente messo le manette ai polsi ad un nigeriano di 32 anni. L'ha intercettato via Romano Da una perquisizione sono spuntati due chili di sostanza stupefacente pronta per essere piazzata

Come un orologio svizzero, a distanza di 2 anni esatti si è cacciato nuovamente nei guai. Ieri 17 aprile gli investigatori della Squadra Mobile di Padova hanno nuovamente arrestato un nigeriano di 32 anni. Deve rispondere all'autorità giudiziaria di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio. Al termine degli atti è stato accompagnato in carcere. Nel corso dell'attività gli hanno sequestrato due chili tra eroina e cocaina. Se la sostanza fosse finita nel mercato illecito dello spaccio gli avrebbe fruttato 60mila euro. 

I poliziotti mostrano la droga sequestrata al 32enne nigeriano

L'attività

Gli agenti lo hanno riconosciuto nel medesimo soggetto arrestato esattamente lo stesso giorno di due anni fa, quando lo avevano già sorpreso assieme a due suoi connazionali in possesso di 114 ovuli di cocaina ed eroina e di 20mila euro, che custodiva all’interno di un’abitazione di via Cardinal Callegari. Due anni dopo, vedendolo camminare in via Romano con uno zaino in spalla, nonostante risultasse essersi trasferito a Cartura dopo aver scontato quella sua prima condanna per droga, i poliziotti hanno deciso di procedere nuovamente al suo controllo. Il nervosismo e l’incapacità di fornire una plausibile giustificazione sulla sua presenza in città lo hanno infine tradito. Ispezionato il suo bagaglio, i poliziotti vi hanno trovato all’interno 8 involucri in cellophane contenenti un chilo e 900 grammi ed altri 300 grammi di cocaina, il tutto suddiviso in 195 ovuli. A sua discolpa, il 32enne ha provato a raccontare di aver ricevuto lo zaino da uno sconosciuto, una volta giunto in stazione, con l’incarico di custodirlo in attesa di ricevere altre indicazioni. Versione assai poco credibile, che non ha convinto neppure il magistrato. Per lo straniero, recidivo, si sono così nuovamente riaperte le porte del carcere di Padova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In uno zainetto eroina e cocaina per 60mila euro, scatta il sequestro
PadovaOggi è in caricamento