rotate-mobile
Cronaca

Centro di Padova "blindato" per le manifestazioni. Bandiere pro Putin e del Leon dai No Vax

Da questa mattina nelle piazze i "Comitato NO194", "Non una di meno e Collettivo Squeert" e da "VenetoNogreenPass e Ita.li". Massiccia presenza di forze dell'ordine per garantire la sicurezza

E' stato un sabato ad alta tensione in centro a Padova per le diverse manifestazioni in contemporanea tra le vie del centro. A muoverso il Comitato NO194 "per l'abolizione della legge 194 sull'interruzione volontaria della gravidanza". La seconda, in contrapposizione alla precedente, promossa dalle organizzazioni femministe "Non una di meno e "Collettivo Squeert" e poi i movimenti VenetoNogreenPass e Ita.li sulle tematiche dell'Agenda 2030 e delle politiche economiche globali. Si sono svolta in forma statica e non c'è stato nessun problema di orodine pubblico, anche se alla manifestazione dei No Green Pass, che negli ultimi 3 anni hanno spesso invaso le piazze della città per protestare contro l'obbligo vaccinale e di conseguenza del green pass (non più obbligatorio da giugno 2022 però), sono apparse bandiere pro Putin e della Serenissima.

Le decisioni della Questura

I presidi sono stati statici, così come ordinato dal questore, Antonio Sbordone. «Il questore di Padova, in relazione all'evidente contrapposizione fra le prime due iniziative, ed in considerazione della particolare affollamento che caratterizza il centro storico il sabato pomeriggio, al fine di tutelare la sicurezza pubblica e la pubblica incolumità, ha emanato tre specifici decreti che prevedono lo svolgimento in forma statica di tutte le manifestazioni preavvisate. Nondimeno saranno predisposti consistenti servizi di ordine e sicurezza pubblica, diretti da un primo dirigente della Polizia di Stato, che vedranno l'impiego di personale della forza territoriale di Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, il concorso delle Squadre di rinforzo del 2° Reparto Mobile della PS di Padova e del 4° Battaglione CC di Mestre, e lo specializzato apporto delle unità della Digos e della Polizia Scientifica. Consistente anche l'impiego della Polizia Locale di Padova che, con proprio personale garantirà la sorveglianza sulla circolazione veicolare, concorrendo al complessivo dispositivo deputato alla tutela dell'ordine pubblico»