menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Padre comboniano accoltellato sull'argine: indagato per falso

Era stato ferito a Pontevigodarzere lo scorso 16 gennaio. Nelle testimonianze del religioso troppe incongruenze. Il 58enne avrebbe tentato di offuscare le indagini: false dichiarazioni e favoreggiamento

La nube intorno al caso del padre comboniano 58enne accoltellato lo scorso 16 gennaio sul lungargine Zanon a Pontevigodarzere non si dirada. Ancora troppe, secondo gli investigatori della squadra mobile, le ombre e le incongruenze nei racconti del religioso. Forse il tentativo di occultare qualcosa o qualcuno. Fatto sta che le sue dichiarazioni non avrebbero convinto il pubblico ministero Federica Baccaglini e il prete ferito, a sei mesi dall'episodio, risulterebbe egli stesso indagato, come riportano i quotidiani locali, per false dichiarazioni e favoreggiamento.

IL TELEFONINO RUBATO. Aveva raccontato alla polizia di essere stato aggredito e pugnalato per quel marsupio di cui gli avventori si sarebbero impossessati. L'episodio, stando alla testimonianza, sarebbe accaduto in pieno giorno. Poi 40 minuti a piedi, ferito, il collasso in auto e, solo sette ore dopo, l'arrivo in pronto soccorso, senza cellulare (rubato con il marsupio, aveva dichiarato agli inquirenti). Ma proprio questo particolare sarebbe il primo nodo della questione. Già, perché il telefonino era stato rilevato dalla cellula proprio all'interno dell'ospedale in cui si trovava ricoverato il religioso. Il padre comboniano si era giustificato sostenendo di essere in possesso di più telefoni: quello rubato era un altro.

LE DUE NOMADI E I SOLDI SPARITI. Nella vicenda ricostruita dal sacerdote, ci sarebbero altri buchi neri. Ad esempio il legame con due donne nomadi. Una relazione ancora lungi dall'essere chiarita. E quell'ammanco di decine di migliaia di euro dalle casse della comunità di via Giovanni da Verdara. Il denaro era scomparso proprio nel periodo in cui era il religioso a gestire la contabilità. Forse le due coltellate, i soldi mancanti e quelle due persone frequentate dal padre missionario potrebbero essere tutti anelli di una stessa catena. E, forse, quella violenza potrebbe essere il risultato di una trama più fitta e losca che il padre starebbe cercando di offuscare agli inquirenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento