menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coniugi condannati: versava al marito i soldi rubati lavorando all'Inps. Lui: «Strepitosa»

Dopo cinque anni le accuse di peculato hanno portato alla condanna a due anni di una coppia dell'Alta. Con un giro di bonifici hanno sottratto decine di migliaia di euro

Approfittava del suo impiego all'Inps per intascare denaro che girava sul conto del marito. Scoperta dai baschi verdi, ci ha rimesso lavoro e casa.

Il trucchetto

Il giudice per le indagini preliminari ha emesso la condanna: i due coniugi di Cittadella sconteranno due anni di reclusione per peculato. Lei è una ex impiegata dell'Inps cittadellese, licenziata nel maggio scorso dopo il polverone sollevato dall'inchiesta. Negli ultimi cinque anni, con il marito aveva messo in piedi uno stratagemma che ha fruttato 55mila euro, intascati a titolo di “prestazioni temporanee”. La donna versava le somme su un conto intestato al marito, che immediatamente le trasferiva su un altro conto corrente della moglie. Particolare curioso, si toglieva lo sfizio di fare commenti poco appropriati, usando nelle causali dei bonifici epiteti come “splendida”, “fantastica”, “strepitosa” per esaltare il gioco sporco andato a buon fine.

Il sequestro degli immobili

A far partire le indagini, condotte dalla procura di Padova, gli uomini del comando provinciale della guardia di finanza. Un'inchiesta certosina, che ha ricostruito tutti i passaggi dell'intricato giro illecito. A inizio anno il tribunale ha disposto il sequestro dei beni della coppia per coprire la quota intascata. Dopo il sequestro preventivo, negli scorsi giorni è arrivata la confisca: la villetta di Galliera Veneta non appartiene più alla coppia. Dei 280mila euro di valore, 57mila sono diventati a tutti gli effetti patrimonio dello Stato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento