Pensionati padovani verso il digitale: in 60mila accreditano la pensione su libretti e conti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Sono sempre più numerosi i pensionati che abbandonano il contante e scelgono il pagamento del proprio assegno pensionistico con accredito automatico sul libretto postale o sul conto BancoPosta.

SERVIZIO DIGITALIZZATO.

I titolari sembrano nutrire sempre maggior fiducia nelle soluzioni di pagamento digitali offerte da Poste Italiane, apprezzandone sicurezza e semplicità. Da giovedì 1° febbraio saranno regolarmente in pagamento le pensioni negli uffici postali della provincia di Padova e sono quasi 67mila i pensionati della provincia che si rivolgono mensilmente agli operatori di sportello per riscuotere la pensione. Il 96% ha scelto l’accredito sul libretto postale o sul conto Bancoposta, a conferma del rapporto di fiducia instaurato tra Poste e i cittadini.

FACILITAZIONI PER I PENSIONATI.

I pensionati che accreditano la pensione sono gratuitamente assicurati da una polizza che riconosce loro un risarcimento fino a 700 euro l’anno sui furti di contante subiti nelle due ore successive al prelievo, effettuato sia dagli sportelli postali che dagli Atm Postamat e bancari. Per gli ultrasettantenni è inoltre prevista una commissione ridotta di 0,70 euro per il pagamento dei bollettini postali.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento