Consegna anticipata delle pensioni: i carabinieri in campo contro truffe e borseggi

L'Arma padovana ha disposto controlli mirati negli uffici postali dell'intera provincia per tutelare e mettere in guardia gli anziani da possibili azioni criminose nei loro confronti

Le verifiche dei carabinieri alle Poste centrali di Padova

Data l'emergenza sanitaria, la pensione del mese di aprile è stata anticiata e viene consegnata di persona agli uffici postali a partire da giovedì. Ciò significa che numerosi anziani raggiungeranno le sedi di Poste Italiane, uscendone con i contanti addosso e conservandoli in casa. Elementi che li mettono a rischio di incorrere in qualche malintenzionato.

Verifiche e supporto

Per questo i carabinieri hanno organizzato una serie di controlli in tutte le zone della provincia, che da oggi e fino alla fine del periodo di consegna, li porteranno nei pressi degli uffici postali per vigilare sui pensionati e informarli circa i rischi e le modalità per difendersi. Tutti coloro che sono titolari delle diverse carte di credito delle Poste ricevono l'accredito direttamente in conto corrente e possono prelevare il denaro agli sportelli automatici, mentre chi necessita dei contanti deve per forza rivolgersi al personale negli uffici sul territorio. A questi ultimi sono dedicate le attenzioni dei carabinieri per proteggerli dal rischio di essere borseggiati in strada o di cadere preda di truffatori senza scrupoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attenzione alle truffe

Tristemente noti sono gli episodi che vedono presentarsi a casa degli anziani persone sconosciute che si spacciano per operatori, tecnici, avvocati, addirittura forze dell'ordine, convincendo le vittime a farli entrare con delle scuse e derubandoli di tutti i loro averi. Esempio classico sono i falsi tecnici del servizio elettrico o idrico che fingono gravi perdite alle tubature e chiedono di entrare per controllare e ripararle. É notizia degli ultimi giorni che tali imbroglioni hanno fatto leva anche sul Coronavirus per riuscire nello scopo, fingendosi operatori sanitari e riuscendo a introdursi negli appartamenti dei malcapitati pensionati. L'Arma pertanto ricorda a tutti di non dare adito a telefonate da aprte di sconosciuti nè di lasciarli entrare in casa per nessun motivo, men che meno assecondando le richieste di denaro. É invece bene segnalare sempre ogni episodio -snche solo sospetto - al 112.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento