"Sei la mia droga", la conosce al supermercato e poi la perseguita: pensionato ai domiciliari

Appostamenti, telefonate, sms e bigliettini sul parabrezza dell'auto. Un 74enne di Fontaniva è stato arrestato dai carabinieri per atti persecutori nei confronti di una compaesana 47enne

Il primo incrocio di sguardi e scambio di scontati e garbati convenevoli tra estranei avviene all'inizio di quest'anno, in un negozio di generi alimentari, in paese. Protagonisti un pensionato di 74 anni, B.V., e una compaesana, casalinga, di 47 anni, separata e con un figlio. Entrambi sono di Fontaniva. Un incontro banale che però scatena nell'anziano un'irrefrenabile necessità di rivedere la donna, conoscere tutto di lei, seguirla, farle sapere in tutti i modi che ha un ammiratore.

DA SPASIMANTE A STALKER. Totalmente invaghito, il 74enne oltrepassa presto i confini dello spasimante galante per trasformarsi in persecutore. Prende informazioni sulla compaesana, la segue per sapere dove abita, recupera il suo numero di telefono di casa prima e di cellulare poi. La chiama, le manda sms, le lascia biglietti sul parabrezza dell'auto del tipo: "Sei la mia droga" e "Mi crei dipendenza". Un paio di volte la donna trova pure gli pneumatici della macchina sgonfi, e il pensiero corre a quel corteggiatore ormai divenuto un vero e proprio stalker.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

AGLI ARRESTI DOMICILIARI. Soffocata da simili "attenzioni", si decide così a denunciarlo, presentandosi i primi di luglio in caserma dai carabinieri per riferire l'escalation persecutoria subita. Querela a cui segue, il 30 settembre scorso, da parte della Procura, un divieto nei confronti del pensionato di avvicinamento alla vittima e ai luoghi da quest'ultima frequentati. Provvedimento che il 74enne disattende, continuando ad appostarsi sotto casa della donna, a mandarle messaggi e a telefonarle. È a questo punto che la posizione dell'uomo si aggrava, con la decisione del giudice di metterlo agli arresti domiciliari con l'accusa di atti persecutori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento