menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Phishing, truffe via mail per spillare soldi a nome del Comune

In questi giorni le prime segnalazioni dei cittidini che hanno ricevuto un messaggio di posta elettronica, in italiano stentato, che proponeva una richiesta di denaro per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani

Se avete ricevuto mail che, a nome del Comune di Padova, vi chiedono soldi per lo smaltimento dei rifiuti, lasciatele perdere e cancellatele immediatamente. Si tratta di phishing, una frode informatica.

LE MAIL. Questo il consiglio dello stesso assessore ai Tributi e ai Servizi informatici Umberto Zampieri, in seguito alle segnalazioni arrivate in questi giorni da diversi cittadini che hanno ricevuto tali messaggi di posta elettronica. "È impossibile che il Comune richieda soldi via mail, si tratta di una truffa", ha rassicurato Zampieri. Nel testo della email si invitavano i cittadini a saldare presunti pagamenti in arretrato attraverso un finto link al sito web del Comune di Padova www.padovanet.it, minacciando l’applicazione di sanzioni amministrative dai €25 a € 500 in caso di mancato pagamento.

SITO OSCURATO. A far scattare l'allarme nei destinatari del messaggio è stato anche l'italiano stentato utilizzato dai truffatori. Il sito da cui partivano le mail truffaldine è stato individuato da un tecnico della rete civica di palazzo Moroni e quindi immeditamente oscurato. L'amministrazione ha contattato la Polizia postale e adesso partirà la denuncia.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento