menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Arresto

Arresto

Massacra di botte la compagna con obiettivo di farla prostituire

Mesi di violenze perpetrate da un nigeriano nei confronti della compagna connazionale residente a Camin. Trasferito in un Cie perchè clandestino, l'uomo è poi tornato con la minaccia di ucciderla. Arrestato

Voleva a tutti i costi che si prostituisse, e con questo obiettivo per mesi ha continuato a picchiarla a sangue, convinto che le violenze l'avrebbero costretta ad obbedire. Ma lei, una donna nigeriana di 41 anni residente nel quartiere padovano di Camin, ha lottato e resistito alle aggressioni del compagno, suo connazionale, fino alla fine di un calvario durato mesi.

AGGRESSIONI E MINACCE DI MORTE. Come riportano i quotidiani locali, la donna, vittima di pugni, calci e cinghiate, ha subito tre ricoveri in ospedale fra maggio e giugno di quest'anno. Il compagno 38enne, Fred S., anche lui nigeriano, le ha rotto denti, naso e costole. Dopo l'ultimo pestaggio, il 20 giugno, che è costato alla donna 15 giorni di prognosi, la polizia ha trasferito l'uomo, clandestino in Italia, al Cie di Bari, misura che avrebbe dovuto essere propedeutica all'espulsione. Invece il nigeriano è uscito dal centro di identificazione ed è tornato a cercare la donna nel suo appartamento dopo aver minacciato via sms di ucciderla. Non trovandola in casa ha sfasciato l'abitazione e poi si è allontanato, ma la41enne, terrorizzata, ha raccontato tutto agli agenti che, dopo averlo bloccato vicino alla stazione ferroviaria, è stato arrestato per i reati di maltrattamento in famiglia e lesioni private. Per lui infatti è scattata un'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

L'USCITA DAL CIE. Sempre secondo quanto riportato dai quotidiani, il nigeriano è riuscito ad uscire dal Cie di Bari dopo aver fatto richiesta di asilo politico, ed è entrato nell'abitazione padovana della donna perchè ancora in posssesso delle chiavi. Fra l'altro si tratta di un personaggio già noto alle forze dell'ordine per un precedente episodio di aggressione nei confronti di due carabinieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento