menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pirata della strada rintracciato e denunciato dopo un mese: era fuggito da un incidente

A luglio, nell'affrontare una curva sulla strada che da Trebaseleghe porta verso Noale, aveva perso il controllo del furgone andando a urtare violentemente contro un veicolo

Lo scorso luglio, nell'affrontare una curva sulla strada che da Trebaseleghe porta verso Noale, aveva perso il controllo del proprio furgone invadendo la corsia opposta di marcia e andando a urtare violentemente contro un veicolo proveniente dalla direzione opposta. Invece di fermarsi, il conducente aveva proseguito dandosi alla fuga.

RINTRACCIATO.

L’autista, un 47enne della provincia di Potenza, è stato rintracciato dopo oltre un mese di indagini dagli agenti della polizia locale del Camposampierese e di Treviso e denunciato per fuga e omissione di soccorso. L'incidente era successo nel primo pomeriggio a Trebaseleghe e sul posto per i rilievi era intervenuta una pattuglia. Gli agenti avevano trovavano una autovettura con la fiancata completamente distrutta. Il conducente, di Trebaseleghe, ha raccontato di essersi visto piombare addosso un furgone mentre stava percorrendo una curva prima della rotonda del centro del paese. A suo dire il furgone dopo l'urto si era allontanato, senza neanche fermarsi, dandosi alla fuga. Sull'asfalto sono stati ritrovati diversi pezzi del furgone persi durante l'urto.

TESTIMONI.

Una seconda persona, che si trovava dietro il furgone con la propria autovettura, assisteva a tutta la scena e tentava di mettersi all'inseguimento del furgone, ma poi desisteva vista l'alta velocità del mezzo. Grazie alla preziosa testimonianza gli agenti avevano in mano diversi elementi utili per rintracciare il mezzo pirata. In particolare dalla descrizione del furgone, un autocarro telonato blu con diverse scritte, uno dei due agenti riconosceva il mezzo utilizzato da un commerciante ambulante che si trova spesso in zona.

FERMATO A TREVISO.

Dopo oltre un mese il mezzo è stato riconosciuto e fermato da una pattuglia della polizia locale di Treviso che ha avvisato i colleghi padovani impegnati nelle indagini: tutti gli occupanti del furgone sono stati identificati e inviatati a recarsi a Camposampiero per essere sentiti in merito al sinistro. Alla fine il proprietario del mezzo, messo alle strette dagli agenti, ha confessato di essere stato lui alla guida il giorno dell'incidente, pur dando una diversa versione dei fatti, ora al vaglio degli investigatori. L'uomo è risultato avere già numerosi precedenti penali ed è stato denunciato per fuga ed omissione di soccorso e rischia ora una pena da 1 a 3 anni di reclusione, oltre alla sospensione della patente da 18 mesi a 5 anni. Anche le altre tre persone trovate con lui sono state denunciate per avere ostacolato a vario titolo le attività di indagine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento