menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pm10, allarme Legambiente: "2015 peggiore dei 2 anni precedenti"

L'associazione ambientalista lancia l'allarme sul livello delle polveri sottili a Padova: "Superamento dei limiti di legge da oltre 50 giorni"

Le poveri sottili (PM10) sono arrivate ieri (8 novembre) a totalizzare 53 superamenti del limite giornaliero (50 μg/m3): da non superarsi per legge più di 35 giorni in un anno. Questo 2015 - dichiara Lucio Passi, portavoce di Legambiente Padova – risulta peggiore degli ultimi due anni. Infatti alla stessa data, nel 2014 i giorni di superamento risultavano 42 e nel 2013 46. 

OZONO. Vanno poi sommati ai giorni di superamento delle polveri sottili, quelli dell’ozono: 53 superamenti del limite per la protezione della salute umana (120μg/m3) da non superarsi più di 25 giorni all’anno. Anche per l’ozono, per altro il 2015, si conferma peggiore dei due anni precedenti: 31 giorni di superamenti nel 2014 e 41 nel 2013. 

ALLARMANTE. “106 giorni di aria avvelenata in questi undici mesi del 2015: permane un quadro allarmante  - sottolinea Passi- per la qualità dell’aria di Padova, con danni alla salute dei cittadini, bambini e fasce deboli in primis. Questo cocktail di inquinanti ha un effetto micidiale sulla salute, sia sul breve, che soprattutto sul lungo termine. Si va dalla cangerogenicità accertata di Pm10, che inoltre è causa di malattie respiratorie e cardiovascolari, alla diminuzione della funzionalità polmonare e all’aumento delle infezioni polmonari prodotte dall’ozono. A questo punto – conclude Passi -  non si comprende perché l’Amministrazione Bitonci continui a smantellare piste ciclabili, corsie preferenziali di autobus, pezzi di aree pedonali, lasciando ancor più la briglia sciolta dal traffico automobilistico, primaria fonte dell’inquinamento atmosferico urbano.  Al contrario serve potenziare il trasporto pubblico, come propone la petizione (che si può firmare sul sito di Legambiente Padova) con cui chiediamo che i 6 milioni di euro che derivano dalle multe degli autovelox vadano a potenziare il trasporto pubblico. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento