menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le unità operative antiterrorismo della polizia di Stato

Le unità operative antiterrorismo della polizia di Stato

Poliziotti antiterrorismo a Padova Presidio degli obiettivi "sensibili"

Da mercoledì in azione gli Uopi, Unità operative di pronto intervento. Monitoreranno quotidianamente i punti critici, dai luoghi di culto ai musei. Due equipaggi con mitraglietta, in servizio su auto blindate

Arrivano anche a Padova le unità operative antiterrorismo della polizia di Stato. Da mercoledì, squadre di agenti addestrati allo scopo di presidiare obiettivi "sensibili" saranno in servizio nella città del Santo, così come previsto dal progetto partito lo scorso marzo e voluto dal ministero dell'Interno dopo i tragici fatti di Parigi.

SQUADRE ANTITERRORISMO. Lo scopo è di costituire in diverse città d'Italia, tra cui Padova, delle unità speciali, in grado di intervenire prontamente in caso di emergenze terroristiche ed in scenari di elevata criticità. Saranno due equipaggi che monitoreranno la città quotidianamente, con particolare attenzione agli obiettivi sensibili. Una decina i punti identificati nel capoluogo euganeo: dal Santo, all'ex sinagoga, alla cappella degli Scrovegni, solo per citarne alcuni.

UOPI. Gli agenti "speciali" vengono battezzati come Unità operativa di pronto intervento (Uopi), si tratta di personale qualificato e addestrato. Scelto secondo particolari criteri, caratteriali e fisici. Poliziotti giovani in servizio a Padova ma non solo in Questura. Militari che hanno avuto una formazione a Roma, in centri specializzati.

DOTATI DI MITRAGLIETTA. Svolgeranno un servizio preventivo come ha spiegato il vice questore vicario Alessandro Meneghini: "L'obiettivo principale è la messa in sicurezza delle persone non il servizio di repressione". Indosseranno giubbini anti proiettile, telecamerine, caschi, spray al peperoncino e saranno dotati di mitraglietta leggera, con buona capacità di fuoco. Gireranno attorno agli obiettivi sensibili della città a bordo di di Discovery blindati. 

COME ROMA E MILANO. Padova rientra dunque tra le 10 città in Italia dove è stato attivato il servizio. Dopo Roma, Milano, Firenze, Torino, Napoli, sulla città del Santo pesa un alert terrorismo: "Sarebbe miope non pensarlo - spiega il vice questore vicario Meneghini - non vogliamo creare allarmismo ma dare un valore aggiunto alla città in modo che i cittadini, e non solo, si sentano protetti. Gli Uopi sono stati addestratti per allontanare, cinturare, non svolgeranno un lavoro di intelligence. Non dobbiamo confonderli con gli Swat, Special Weapons And Tactics americani o con i Nos, Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Il neo Presidente Masin: «Natura e turismo, così immagino il Parco Colli. Essere cacciatore non è in antitesi con questo ruolo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento