Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Reati informatici in aumento, il bilancio delle attività della polizia postale

In Veneto c'è stato un incremento del 3 per cento dei casi di pedopornografia trattati dal personale della polizia postale e del 130 per cento delle persone indagate

Il 2020 è stato un anno intenso per la polizia postale che ha visto un aumento dei reati a mezzo informatico anche a causa della pandemia da Covid-19 che ha costretto tutti a casa. Criminali compresi.

I dati regionali

Il Compartimento di Venezia per quanto riguarda il contrasto alla pedopornografia, ha arrestato 4 persone e altre 16 sono state denunciate. Rispetto al 2019, nel 2020 c’è stato un incremento del 3% dei casi trattati e del 130% delle persone indagate. Sul fronte dei reati contro la persona, l’anno appena terminato ha registrato 180 casi di diffamazione online (erano 92 nel 2019) e 7 casi di stalking (5 nel 2019). Ma c’è un altro fronte sul quale la polizia postale si è impegnata in Veneto: la protezione delle infrastrutture critiche, diventata fondamentale con l’esplosione dello smart working. Sono state avviate 95 indagini, a fronte delle 62 dell’anno precedente, e sono state denunciate 9 persone (7 nel 2019). Connesso a questo c’è l’attività di contrasto al financial cybercrime che si attua attraverso mail infettate da virus o frodi informatiche. In quest’ambito le operazioni della polizia postale hanno permesso di recuperare oltre 200 mila euro, denaro provento di reati.

Schermata 2021-01-04 alle 12.46.01-2

I dati nazionali

Il Centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia online ha permesso di arrestare 69 persone e denunciarne altre 1.192, con un incremento del 110% rispetto al 2019. Il centro ha visionato 33.681 siti sospetti e di questi 2.446 sono stati inseriti nella black list. Particolare attenzione è stata data al cosiddetto “revenge porn” con 126 casi trattati e 59 denunce, alla diffamazione online con 2.234 casi e 906 denunce, allo stalking con 143 casi, 7 arresti e 73 denunce, all’estorsione di tipo sessuale con 636 casi trattati, un arresto e 36 denunce. Sono 1001 i casi di minacce e molestie registrati sui social a cui sono seguiti 2 arresti e 270 denunce.

Schermata 2021-01-04 alle 12.52.43-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reati informatici in aumento, il bilancio delle attività della polizia postale

PadovaOggi è in caricamento