Premiato a Venezia il "Piccolo Teatro" per la lirica al cinema

Nel corso della Mostra del Cinema assegnato al Piccolo Teatro di Padova il "Premio Microcinema" quale sala che più si è distinta nella diffusione dell'Opera Lirica nei cinema, in Italia, per l'anno 2012

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Giornata di gloria per una sala padovana, nell'ambito della Mostra del Cinema di Venezia, ieri domenica 1 settembre. Infatti il Piccolo Teatro Don Bosco (via Asolo - zona Paltana) ha ricevuto il "Premio Microcinema" come sala che più si è distinta nella diffusione dell'Opera Lirica nei cinema, in Italia, per l'anno 2012

Alla premiazione con la consegna del prestigioso riconoscimento, avvenuta nello Spazio Incontri del Venice Film Market / Industry Office all'Hotel Excelsior, ha preso parte il direttivo dell'associazione Piccolo Teatro, che cura la direzione artistica della sala dei salesiani.
Nella rosa dei 5 finalisti figuravano anche Cinema Fulgor di Firenze, Cinema Fiamma di Firenze, Cinema Garden di Gavirate, Teatro S. Massimo di Verona.

Il Piccolo Teatro ha aderito sin dal 2008 al circuito "Microcinema", oggi formato da circa 250 sale, che fruiscono della distribuzione di eventi digitali quali film d'essai, documentari, opere liriche, balletti: animato dall' entusiastica collaborazione di oltre cinquanta volontari e da un direttivo di instancabili appassionati di cinema, musica e teatro, è ormai conosciuto ed apprezzato in città per la programmazione delle opere liriche sul grande schermo.

I "contenuti alternativi" nelle sale cinematografiche sono ormai un fatto con cui il pubblico italiano ha preso confidenza e che ha dimostrato di apprezzare, e la "necessaria" conversione dalla pellicola alla tecnologia digitale (che il Piccolo completerà, per quanto riguarda i film, da fine settembre) dà proprio queste opportunità: non a caso la premiazione di ieri è avvenuta nel corso di un convegno sul tema "Concerti, Opera Lirica, Mostre, Arte Circense e perfino lo sport: futuro della sala o alto tradimento?".

Al Piccolo Teatro ogni anno almeno dieci sono gli "eventi" di lirica che vengono proposti agli spettatori, in diretta o in differita, via satellite ed in alta definizione, con sottotitoli: la partecipazione di pubblico è stata sin da subito umerosa (nel 2011 la sala è stata menzionata dai media nazionali grazie al record di spettatori per la diretta di "Cavalleria Rusticana - Pagliacci" dalla Scala) .
Gli spettatori sono in media quasi trecento per ogni appuntamento, di cui oltre cento abbonati, e più volte si è raggiunto il tutto esaurito (capienza 390 posti).

Il pubblico, anche chi vi si è accostato con scetticismo, ha espresso sempre soddisfazione e molti hanno rivelato la "magia" di aver potuto assistere ad interpretazioni di grandi cantanti e direzioni musicali di primo livello, a riprese con "primi piani" che nei teatri non si possono cogliere, e alla comodità ed utliltà di seguire i testi con i sottotitoli.

Terminati i festeggiamenti (domenica, in serata, c'è stato il doveroso brindisi con il pubblico intervenuto alla chiusura della rassegna di film all'aperto) già preme la prossima stagione lirica (I^ parte: settembre/dicembre): inizerà giovedì 26 settembre con la proiezione dell' "Andrè Chenier" di U.Giordano, in differita dal Bregenz Festival.

Quindi in programma anche "Don Carlo" e "Un ballo in maschera" di Verdi (10 e 22 ottobre) dal Teatro Regio di Torino, la "Tosca" di Puccini dal Metropolitan di New York (12 novembre) e La Traviata (7 dicembre) per "la prima della Scala" di quest'anno, programmata per il bicentenario verdiano

La campagna abbonamenti si svolgerà dal 9 all'11 settembre (cinque opere, prezzo Euro 44).
Prevendite dei biglietti delle singole opere dal 16 settembre negli esercizi convenzionati.

Il programma completo si trova su www.piccolo-padova.it (segreteria 049.8827288)

Torna su
PadovaOggi è in caricamento