menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scelti i vincitori del Premio Città Futura, il progetto che racconta l’Arcella con il cinema

Tre i registi ai quali è stato assegnato il Premio Città Futura 2017: la trevigiana Chiara Andrich, la trentina Cecilia Bozza Wolf e il leccese Mattia Epifani. Ciascuno dei vincitori curerà un laboratorio di cinema gratuito dedicato ai ragazzi del territorio

Il Premio Città Futura, realizzato all’interno del bando SIAE “S’illumina”, nasce con lo scopo di raccontare l’Arcella, quartiere multietnico e periferico della città di Padova, in modo non convenzionale, mettendo in contatto attraverso l’esperienza dei laboratori tre documentaristi italiani under 35 con i giovani abitanti del quartiere.
 
PROGETTO. Un progetto, realizzato in collaborazione con Cooperativa Il Sestante, Cinema MultiAstra e Progetto Giovani di Monselice e in partnership con Banca Etica, Circolo Nadir e Progetto Giovani di Padova, che vuole ripensare, attraverso il cinema, luoghi, spazi e culture, offrendo una rilettura del quartiere attraverso gli occhi delle nuove generazioni che lo abitano. "Lo scopo del premio ha varie stratificazioni. – racconta Marco Segato, Direttore artistico Euganea Film Festival -  Da una parte quello di attivare dei laboratori di cinema documentario sul territorio che permettano di confrontarsi con delle storie non così abituali e in una formula che non è quella della scuola canonica di film macking ma che insegni ad individuare lo sguardo con cui raccontare alcune storie.  L’altro livello del progetto è quello di raccontare l’Arcella e le sue dinamiche, un quartiere che spesso, come succedeva anche a via Anelli o altre zone viene raccontato quasi con un unico punto di vista, nonostante vi siano altri materiali che puntino a raccontarla come un quartiere molto vivo e molto particolare. Vorremmo inserirci in questo orizzonte che esca dai luoghi comuni e quindi raccontare il quartiere con uno sguardo nuovo, uno sguardo fresco, magari meno stereotipato".
 
LABORATORIO A CIELO APERTO. "Abbiamo accolto con molto piacere l’invito a partecipare a questo progetto – prosegue Tiziano Peracchi, Presidente Cooperativa Sociale “Il Sestante” -  anche perché uno degli obiettivi di Sestante è lo sviluppo di comunità questo progetto va proprio in questa direzione. Sono, inoltre contento che si tendi di dare un’immagine dell’Arcella più aderente alla realtà del quartiere. Il titolo del progetto “Premio Città Futura” mi piace molto perché rappresenta al meglio quello che è il quartiere Arcella: un laboratorio a cielo aperto, la città italiana del futuro.  Non vedo l’Arcella come un quartiere degradato e disagiato ma come un quartiere, al contrario, già proiettato nel futuro, nel quale il livello di integrazione è molto elevato. Non nascondo che abbia delle problematicità, ma credo che attraverso iniziative come queste, si possano affrontare anche da un altro punto di vista".  
Una commissione composta da professionisti del settore ha valutato i profili degli oltre cinquanta registi iscritti al Concorso. I tre autori premiati la trevigiana Chiara Andrich, la trentina Cecilia Bozza Wolf e il leccese Mattia Epifani.
 
LABORATORI. Ogni regista premiato curerà un laboratorio di cinema che permetterà ai giovani partecipanti di sviluppare soggetti e idee relativi al quartiere fino a trasformarli in veri e propri cortometraggi. Ogni laboratorio sarà strutturato in due settimane: la prima sarà dedicata alla redazione del soggetto e alle riprese, la seconda al montaggio e alla finalizzazione del materiale girato. Al termine dei tre laboratori, i cortometraggi realizzati andranno a formare un unico film sul quartiere Arcella, che verrà proiettato a Padova e successivamente promosso e distribuito nella rete dei Festival di cinema.
 
Queste le date dei laboratori:
dal 5 al 17 giugno, condotto da Mattia Epifani
dal 19 giugno al 1 luglio, condotto da Chiara Andrich
dal 3 al 15 luglio, condotto da Cecilia Bozza Wolf

 
È possibile iscriversi entro la settimana che precede l’inizio del laboratorio scelto. Il form per l’iscrizione, da compilare online, è reperibile presso www.euganeafilmfestival.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento