Premio "Gino Bortollon" 2014, un focus speciale sulla sicurezza al lavoro

In ricordo del tecnico deceduto nel 2010. Le adesioni entro il 17 marzo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Ambiente, cultura nel territorio e, novità per quest'anno, sicurezza sul lavoro: sono temi di attualità quelli che Etra intende valorizzare nell'edizione 2014 del premio "Gino Bortollon".

Il bando coinvolge il mondo dell'università, e in particolare i laureati e i dottori di ricerca che, negli anni accademici 2012-2013 e 2013-2014, abbiano scritto e discusso, entro il 15 marzo 2014, tesi di laurea, dottorato, specializzazione o master riguardanti le seguenti sezioni: "Ambiente", "Cultura nel territorio" e "Sicurezza sul lavoro". Tema, quest'ultimo, inserito dalla commissione per la terza edizione e per il quale sarà conferito, a discrezione dei commissari, un premio speciale.

«Come negli anni scorsi, il concorso è un omaggio al tecnico della nostra società deceduto nel 2010 mentre si trovava all'impianto di Bassano. – ricorda Stefano Svegliado, presidente del Consiglio di gestione di Etra – La sicurezza sui luoghi di lavoro continua a far parlare, e in noi c'è la volontà di "rimanere sul pezzo" anche grazie ai progetti e i suggerimenti che riceveremo con il concorso».
Nelle sezioni "Ambiente" e "Cultura nel territorio" si prenderanno invece in esame elaborati che tratteranno da un lato temi come il ciclo idrico, la gestione dei rifiuti, la tutela delle risorse e la produzione di energia da fonti rinnovabili e dai rifiuti, e dall'altro aspetti culturali e storici da promuovere nei 75 Comuni soci di Etra. Per ciascuna delle due sezioni, gli autori delle tesi giudicate migliori – per rilevanza e originalità dell'argomento, analisi sul campo e richiami a modelli internazionali – riceveranno una somma di 2 mila euro. I lavori che parleranno di sicurezza sul lavoro riceveranno, su decisione della commissione, un riconoscimento a parte.

«Per aderire, – spiega il presidente del Consiglio di sorveglianza, Manuela Lanzarin – bisognerà inviare entro il 17 marzo, alla sede di Etra di Cittadella in via del Telarolo n. 9 o all'indirizzo comunicazione@etraspa.it, la domanda di partecipazione scaricabile dal sito www.etraspa.it, assieme a una copia della tesi e ad altri documenti indicati nella domanda. Anche quest'anno in commissione avremo, oltre agli esperti di Etra e a professionisti del settore, un docente universitario: Cesare Dosi, professore, tra gli altri, del corso "Environmental economics and policy" alla facoltà di Economia di Padova».

I vincitori saranno proclamati ufficialmente il 16 maggio, in occasione della festa conclusiva del Progetto scuole di Etra, che ogni anno coinvolge le scuole dell'infanzia, primarie e secondarie.

Torna su
PadovaOggi è in caricamento