menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Premio innovazione digitale in sanità 2017", l'Azienda ospedaliera di Padova tra i 10 finalisti

Il riconoscimento dell'Osservatorio innovazione digitale in sanità punta a creare occasioni di conoscenza e condivisione dei migliori progetti della sanità italiana per capacità di utilizzare le tecnologie digitali come leva di innovazione e miglioramento

C'è anche l'Azienda ospedaliera di Padova, tra i 10 i finalisti dell’ottava edizione del "Premio innovazione gigitale in sanità" della School of Management del Politecnico di Milano. Il riconoscimento dell'Osservatorio innovazione digitale in sanità punta a creare occasioni di conoscenza e condivisione dei migliori progetti della sanità italiana per capacità di utilizzare le tecnologie digitali come leva di innovazione e miglioramento.

I 10 FINALISTI. L'Azienda socio-sanitaria territoriale di Monza, la Fondazione Poliambulanza (Brescia) e l'Irccs Ismett (Palermo) sono i finalisti nella categoria "processi amministrativi e gestionali". L'Azienda ospedaliera di Padova e gli Istituti clinico scientifici Maugeri (Pavia) si contenderanno il riconoscimento nell'area "processi clinici e assistenziali". L'Azienda ospedaliero-universitaria policlinico di Modena, l'Azienda sanitaria locale di Taranto e l'Azienda unità locale socio sanitaria 3 Serenissima (Venezia) sono in finale per "servizi al cittadino". Infine, l'Azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata (Roma) e la Fondazione policlinico universitario Agostino Gemelli (Roma) si contenderanno la vittoria nella categoria "integrazione con il territorio".

IL PROGETTO PADOVANO. L'Azienda ospedaliera di Padova è finalista nella categoria "processi clinici e assistenziali" per il progetto Health Meeting avviato nel settembre 2015 ed entrato a regime nell’aprile 2016 con l’Istituto Oncologico Veneto. L'obiettivo principale del progetto è quello di realizzare uno strumento informatico di collaborazione e di supporto alla gestione dei meeting multidisciplinari finalizzati alla discussione di casi clinici. La piattaforma permette oggi la definizione del gruppo di lavoro e dei calendari degli incontri, oltre alla gestione dell’intero meeting. I membri del gruppo e i richiedenti esterni possono partecipare in videoconferenza alla discussione e avere traccia dell’avanzamento della discussione. I documenti associati ai casi discussi sono selezionati dal dossier aziendale o caricati direttamente da documentazione esterna così che tutti i membri del gruppo di lavoro possano accedervi contemporaneamente durante la riunione. Nel corso del meeting viene redatto il referto, che è poi firmato digitalmente e ha valenza legale. Per ciascun paziente, durante il meeting, vengono stabilite delle attività previste dai medici e ciascuna attività è assegnata a un responsabile. Attualmente sono operativi 12 gruppi multidisciplinari costituiti complessivamente da circa 200 medici e sono stati discussi più di 1.400 casi clinici. Uno dei vantaggi che consegue dall’utilizzo dello strumento è la capacità di produrre delle decisioni cliniche documentate e di poterle confrontare con le linee guida di ciascuna patologia.

LA PREMIAZIONE. I progetti finalisti del "Premio innovazione gigitale in sanità 2017" saranno presentati al pubblico giovedì 4 maggio dalle ore 14 in occasione del convegno "La Sanità alla rincorsa del cittadino digitale", in cui sarà presentata anche la nuova ricerca dell'Osservatorio innovazione digitale in sanità della School of management del Politecnico di Milano. Il convegno si terrà nel campus Bovisa di Milano a partire dalle 9. Dalle valutazioni di una giuria qualificata scaturiranno i riconoscimenti per il "Premio innovazione gigitale in sanità 2017", che saranno consegnati alle 4 strutture sanitarie - una per categoria - che si sono distinte nella capacità di utilizzare le moderne tecnologie digitali come leva di innovazione e miglioramento nel mondo della sanità.

BEST PRACTICE ITALIANE. "Il 'Premio innovazione digitale in sanità' ha l’obiettivo di generare un meccanismo virtuoso di condivisione delle esperienze di eccellenza nel panorama della sanità digitale - dice Cristina Masella, responsabile scientifico dell'Osservatorio innovazione gigitale in sanità, Politecnico di Milano - i dieci progetti finalisti rappresentano esempi di best practice nell'uso delle tecnologie digitali nel mondo della sanità, spesso fondati anche sull'utilizzo di internet, app e social media, ormai sempre più parte della vita quotidiana di medici e pazienti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento