A Padova l'oscar mondiale per il gelato di qualità: vince la Gelateria da Nonno Piero

La gelateria è anche presente nella classifica Gambero Rosso tra le 100 migliori d’Italia. Istituito nel 1970, il concorso internazionale “Coppa D’Oro” è considerato l’Oscar mondiale del gelato

Almeno per il 2018 il gelato migliore del Veneto lo si può gustare aPadova: la “Gelateria da Nonno Piero” di Daniele Dall’Antonia, iscritta a Confartigianato Padova,siaggiudica il terzo posto (primo nella prima selezione alla cieca) nella competizione internazionale Coppa D’Oro, organizzata da MIG, Mostra Internazionale del Gelato Artigianale che si svolge annualmente a Longarone.

Il trofeo

Questo trofeo si aggiunge quello del secondo posto nel 2012. La gelateria dallo scorso è anche presente nella classifica Gambero Rosso tra le 100 migliori gelaterie d’Italia. Istituito nel 1970, il concorso internazionale “Coppa D’Oro” è considerato l’Oscar mondiale del gelato artigianale e ogni anno dà la possibilità ai Maestri Gelatieri artigiani di tutto il mondo di mettere in evidenza le proprie capacità professionali. La giuria delPremio, composta da esperti, Maestri gelatai e professionisti del settore, dopo un’attenta valutazione ha deciso di premiare Daniele Dall’Antonia –residente a Padova ed originario di Cappella Maggiore (TV), una tradizione di famiglia attiva dal 1895-, che propone al pubblico del padovano un prodotto artigianale di altissima qualità, interamente lavorato nei laboratori di Via Roma 222 ad Albignasego, con ingredienti freschi e di prima scelta. Tra gli altri parametri di giudizio, la giuria del MIG ha valutato il gusto, il metodo di lavorazione, la consistenza e l'aspetto delle varie proposte in concorso apprezzando il gelato di Nonno Piero per via dell’intensità del sapore e della genuinità complessiva.

La parola al titolare

«Sono particolarmente orgoglioso di questo risultato”, ha affermato Daniele Dall’Antonia, titolare della “Gelateria da Nonno Piero”, “Un premio che attesta a livello internazionale il grande valore della tradizione gelatiera italiana e ripaga in particolare tutto l’impegno e i sacrifici di anni di lavoro. Voglio dedicare questo successo alla mia famiglia che mi è stata sempre vicina e che è riuscita a trasmettermi la passione per questo lavoro assieme a un bagaglio di esperienza davvero inestimabile oltre ai miei collaboratori che partecipano con impegno al risultato della nostra attività». La tradizione gelatiera della famiglia Dall’Antonia ha origini antiche, sin dal 1895, quando un pro-zio di Danieledeòòa Val Zoldana tenta fortuna prima in Ungheria, poi a Vienna, vendendo gelato e frutta caramellata. Nel 1914 il primo chiosco a Trieste dove la gelateria Zampolli (questo il cognome dello zio di Daniele) arriva a fornire la Real Casa quando nobili e regnanti d'Italia e a introdurre i porzionatori a pallina che da lì si diffonderanno in tutta Europa. L’attività, rilevata nel 1948 da Piero, papà di Daniele si espande anche con un nuovo punto vendita in Germania.

La gelateria

Nel 2010 Daniele Dall’Antonia –dopo una importante esperienza nel marketing di note aziende nazionali e multinazionali, occupandosi anche di sviluppato di prodotti alimentari e nel settore della pasticceria e del gelato, decide di continuare la tradizione familiare e apre la “Gelateria da Nonno Piero”. Ad aiutarlo vi sono diversi collaboratori essenziali per il buon andamento dell’attività.L’attività propone una considerevole varietà di gusti, dai classici con materie prime di qualità seleziona ai presidi slow food, dai prodotti a km0 dei colli euganei ai frutti rari a rischio di estinzione. La “Gelateria da Nonno Piero” si trova ad Albignasego (Pd) in Via Roma, 222.Forte del premio nel concorso Coppa D’Oro proseguirà certamente nel suo percorso di crescita con prossime interessanti novità.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

  • Tragedia al Portello: dalle acque del Piovego affiora un cadavere

Torna su
PadovaOggi è in caricamento