rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Presentata la seconda edizione del raduno degli alpini in Europa, location in Romania

L'edizione di quest’anno è organizzata assieme all'associazione Pollicino di Belluno che gestisce nella cittadina di Petrosani, gemellata con Ponte nelle Alpi

Il secondo raduno degli Alpini in Europa si svolgerà a Petrosani in Romania dal 21 al 24 settembre. Il primo raduno si è tenuto due anni fa a Marcinelle in Belgio, organizzato dalla Sezione Danubiana dell'ANA che raggruppa gli alpini residenti in Romania, Bulgaria ed Ungheria. Quello di quest’anno è organizzato assieme all'Associazione Pollicino di Belluno che gestisce nella cittadina di Petrosani, gemellata con Ponte nelle Alpi, una struttura dove sono ospitati 92 bambini disabili o in disagio sociale, realizzata grazie all'aiuto di molti volontari veneti, in particolar modo alpini.

LA MANIFESTAZIONE

La manifestazione è stata presentata a Venezia, nella sede della giunta regionale, dall’assessore veneto alla protezione civile insieme al col. Francesco Forti Vicepresidente Vicario della Sezione ANA Danubiana in rappresentanza anche del Presidente Nazionale ANA Sebastiano Favero, e a Morena Pavei ed Enrico Collarin dell’Associazione Pollicino. “La Regione ha offerto volentieri ospitalità alla presentazione di questa manifestazione – ha detto l’assessore veneto – giunta alla sua seconda edizione e in fase di ulteriore sviluppo. L’evento si svolgerà in Romania, perché lì si è consolidato un forte legame con le attività di volontariato dell’Associazione Pollicino e con gli Alpini”. “L’ANA – ha aggiunto - è una realtà assolutamente eccezionale e gli alpini, oltre ad intervenire nelle situazioni emergenziali a sostegno della protezione civile, sono presenti anche ogni volta che c’è da fare qualcosa di buono, come a Petrosani. L’ANA è una struttura che non ha eguali in Italia ma il raggruppamento del Triveneto, che è il più numeroso a livello nazionale, è un’eccellenza nell’eccellenza”.

LEGAME DI SOLIDARIETA'

Il colonello Forti ha spiegato che esistono diverse sezioni degli alpini all’estero, distribuite anche fuori dell’Europa. La manifestazione biennale è il momento di riunione delle rappresentanza europee, che non sono numerose come quelle in Italia e non possono quindi svolgere lo stesso tipo di attività. Ma si organizzano in attività di volontariato per portare aiuto in particolari situazioni socio-sanitarie. L’edizione di quest’anno sarà anche l’occasione per ricordare i caduti della Grande Guerra. Il presidente dell’Associazione di volontariato Pollicino, Morena Pavei, ne ha ripercorso la genesi e le finalità a sostegno di bambini di Petrosani bisognosi di assistenza, in cui sono stati coinvolti molti veneti – soprattutto del bellunese – e in prima fila gli alpini. La casa realizzata a Petrosani ospita anche una sezione dell’ANA. A sottolineare questo stretto legame di solidarietà – ha detto Enrico Collarin - tra le 500 persone che sfileranno sabato 23 settembre a Petrosani, con l’accompagnamento della Filarmonica di Lentiai, ci saranno i bambini della Casa Pollicino. Sarà presente anche il nuovo ambasciatore d’Italia in Romania e non mancheranno i prodotti tipici delle montagne venete, preparati da cuochi bellunesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presentata la seconda edizione del raduno degli alpini in Europa, location in Romania

PadovaOggi è in caricamento