Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Savonarola / Via Raggio di Sole

Case popolari, la protesta non si placa davanti all'Ater: «Zaramella vieni fuori»

Sono tornati ad assieparsi in via Raggio di Sole inquilini e rappresentanti dei comitati che da inizio luglio manifestano per invocare la soppressione della legge regionale 39/2017

L'appuntamento del mercoledì è stat posticipato di un giorno, dopo la protesta che sabato aveva visto un centinaio di manifestanti a volantinare in Prato della Valle e in seguito riuniti davanti a palazzo Moroni.

Il sit-in

Erano una cinquantina, uomini e donne, anziani e giovani, davanti all'ingresso della sede padovana dell'ente per l'edilizia territoriale. Il motivo resta sempre lo stesso: chiedere ad Ater di ricevere gli inquilini e alla Regione Veneto di sospendere l'applicazione della legge che dal 1 luglio ha imposto un aumento dei canoni di affitto per migliaia di nuclei familiari a fronte del nuovo calcolo del redditto. I manifestanti, insieme ai rappresentanti di Rifondazione Comunista e di Sportello Meticcio, hanno imbracciato i cartelli e, al suono dei fischietti che hanno contraddistinto il sit-in, chiesto a gran voce che il presidente Gianluca Zaramella uscisse all'esterno. Richiesta non esaudita, perché a dire dell'ente Zaramella non si trovava in sede. Il gruppo si è trattenuto per circa due ore mentre polizia, carabieri e polizia locale vigilavano sul perimetro del piazzale. La protesta, proseguita pacificamente, si è svolta in concomitanza con Verona e Rovigo in forza del vincolo di unione promosso dal coordinamento dei comitati in tutta la regione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case popolari, la protesta non si placa davanti all'Ater: «Zaramella vieni fuori»

PadovaOggi è in caricamento