menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
li attivisti a lato del tribunale con lo striscione issato lungo via Tommaseo

li attivisti a lato del tribunale con lo striscione issato lungo via Tommaseo

Attivisti in tribunale dopo lo sgombero: «Tutti liberi!», ma i due arresti sono convalidati

Una quindicina di manifestanti si è riunita fuori dal palazzo di giustizia dove si è celebrata la direttissima nei confronti dei due antagonisti arrestati giovedì mattina

Hanno atteso notizie sulle sorti dei "compagni" Martin e Marisol fuori dal tribunale con uno striscione che recitava «La lotta per la casa non si arresta. Tutti liberi». Erano una quindicina, attivisti dei collettivi di sinistra e del comitato Lotta per la casa. Il giudice ha convalidato l'arresto e scarcerato gli imputati.

Il sit-in e le accuse

Gli animi sembrano essersi placati rispetto a ieri, ma i giovani non hanno rinunciato a manifestare la propria solidarietà nei confronti dei due arrestati. Martin Freiberger e Marisol La Biunda Castellani sono accusati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale per aver colpito alcuni agenti nel corso dello sgombero di una famiglia africana da un alloggio Ater al civico 36 di via Palestro. Insieme al capofamiglia 47enne Maole a Maole Lumpungu hanno spintonato e preso a schiaffi e calci i poliziotti venendo poi prelevati dalla Digos. Alle 10.30 sono comparsi in aula per l'udienza di convalida del fermo con rito direttissimo. In strada i loro amici attendevano il verdetto.

Gli arrestati

I due sono riconducibili agli ambienti della sinistra padovana ed entrambi sono noti alla giustizia. Il 28enne Freiberger è vicino al collettivo ChinaTown attivo in Palestro e al comitato Lotta per la casa, mentre Castellani, 22 anni, era stata denunciata il 29 marzo scorso sul Liston al termine delle contestazioni contro il corteo di Forza Nuova e già nel luglio 2017 per gli scontri fra antagonisti e Celere in piazza delle Erbe. Al termine dell'udienza il giudice ha convalidato l'arresto e disposto la scarcerazione degli attivisti. Dovranno presentarsi quotidianamente in questura per rispettare l'obbligo di firma.

Le iniziative

Il sit-in è stato organizzato nel corso dell'assemblea pubblica di giovedì sera per decidere la linea di solidarietà da tenere verso i due arrestati e verso la famiglia sgomberata. Nei prossimi giorni sono in calendario altre attività, tra cui domenica un pranzo davanti all'alloggio sgomberato con una passeggiata in quartiere e un appuntament alla sede della Ulss6 di via Scrovegni per sostenere la famiglia Maole. Giovedì pomeriggio gli attivisti si erano anche presentati davanti alla questura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento