menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Non è una partita a battaglia navale": maxi-presidio davanti alla Prefettura di Padova

Organizzato per giovedì 14 giugno dalle ore 18 per il caso-Aquarius da circa trenta tra associazioni, partiti e organizzazioni

"Per dire no alle aberranti politiche del governo Lega - 5 Stelle, perché questa non è una partita a battaglia navale": circa trenta tra associazioni, partiti e organizzazioni si riuniranno giovedì 14 giugno alle ore 18 davanti alla Prefettura di Padova per un presidio sul caso-Aquarius.

"Restiamo umani"

In un comunicato congiunto le sigle aderenti spiegano i motivi dell'iniziativa: "Il 10 giugno 2018 il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha negato alla nave Aquarius il permesso di arrivare in Italia e ha chiesto al governo di Malta di occuparsi dell’accoglienza dei migranti a bordo; Malta ha rifiutato sostenendo che spetti all’Italia ricevere l’Aquarius in base al diritto internazionale. I migranti saranno accolti dalla Spagna, e Salvini si vanterà di aver lanciato un messaggio pesante e radicale, e di averlo fatto per sfidare l’Europa, mettendo a rischio 629 vite. L’ha fatto nel silenzio-assenso di un intero governo gialloverde, che oggi insieme a lui si è preso la responsabilità di ammettere che la politica è più importante delle persone stesse. Anzi, che esistono delle persone di serie A e delle persone di serie B, tali perché straniere, diverse. Quello che sta accendendo in queste ore è ciò che si verifica quando il razzismo si istituzionalizza. Quando le persone diventano oggetti, strumenti di un gioco politico. A questo gioco noi non vogliamo giocare. Questa azione è inaccettabile. Non possiamo rimanere muti davanti a un governo che gioca con le vite delle persone. Non possiamo accettare una politica che aiuta i più ricchi e affonda i più deboli. Questo emerge dalla decisione di Salvini: salvare vite umane non è una priorità. Costruiamo un’alternativa, restiamo umani. Non perdiamo la forza di alzarci contro le ingiustizie, apriamo i porti. Invitiamo tutte le associazioni, realtà, liberi cittadini, a riunirsi giovedì 14 giugno in Piazza Antenore di fronte alla Prefettura alle ore 18.00 per dire no alle aberranti politiche del governo Lega - 5 stelle, perché questa non è una partita a battaglia navale. Vite, non pedine".

I partecipanti al presidio

Ecco chi aderisce all'iniziativa:

Amnesty International Padova
Anpi Padova
Arci Padova
Arcigay Tralaltro Padova
Articolo 1 - Movimento Democratico e Progressista Padova
Assopace Padova
Centro Donna Padova Auser
Cgil Padova
Coalizione Civica per Padova
Fondazione Nuova Società
Giovani Democratici Padova
Gruppo Emergency Padova
Legambiente Padova
Libera Padova
Liberi e Uguali Padova
Medici Senza Frontiere - Gruppo di Padova
MGS-Padova
Partito Democratico di Padova
Possibile Padova - Comitato Elena Cornaro
Presidio Silvia Ruotolo - Libera Padova
Rel.Azioni Positive - Cooperativa Sociale ONLUS
Rete degli Studenti Medi Padova
Se Non Ora Quando Padova
Sinistra Italiana - Padova
Studenti Per Udu Padova
Uil Padova
Volt Padova
Xena centro scambi e dinamiche interculturali

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Il neo Presidente Masin: «Natura e turismo, così immagino il Parco Colli. Essere cacciatore non è in antitesi con questo ruolo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento