menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Lazzaro, "non sai quanti soldi potresti fare": amante del don denuncia anche le botte

Nuovi dettagli emergono dalle cinque pagine di denuncia presentate dalla 49enne parrocchiana contro l'ormai ex parroco della chiesa di San Lazzaro, accusato di favoreggiamento della prostituzione e violenza privata

Nuovi dettagli emergono dalle cinque pagine di denuncia presentate dalla 49enne parrocchiana contro l'ormai ex parroco della chiesa di San Lazzaro, accusato di favoreggiamento della prostituzione e violenza privata. Come riportano i quotidiani locali, la donna - che ha raccontato di avere avuto con il religioso rapporti di sesso violento e di essere stata costretta da quest'ultimo a concedersi anche ad altri uomini - ha riferito anche di un episodio nel quale il sacerdote l'avrebbe brutalmente picchiata.

"IL DON MI HA PICCHIATA". Nel maggio 2015, la parrocchiana avrebbe deciso di interrompere quella relazione e di mettere la parola fine al sesso estremo e alle orge organizzate dal don. Ma, un mese più tardi - sempre secondo quanto raccontato dalla 49enne -, il sacerdote l'avrebbe ricontattata, dicendole di essere a letto dopo un piccolo intervento e di avere bisogno di alcune medicine. La donna, arrivata in canonica, si sarebbe però resa conto che il religioso non era affatto senza farmaci e che quella commissione era stata solo una scusa: alla sua richiesta di spiegazioni, il religioso, per tutta risposta, l'avrebbe presa a calci e pugni.

"NON SAI QUANTI SOLDI POTRESTI FARE". Di qui la decisione di rivolgersi alla Curia, senza però esiti, e quindi ai carabinieri. Agli inquirenti, l'ex amante del don avrebbe riferito che, in un'occasione, quest'ultimo, riferendosi alle orge con altri uomini, le avrebbe detto: "Non sai quanti soldi potresti fare". Il sospetto, infatti, da cui deriva l'accusa di favoreggiamento della prostituzione, è che il sacerdote si facesse pagare per offrire le sue donne. Una conferma in tal senso potrebbe arrivare dagli accertamenti sul patrimonio: il prete, infatti, avrebbe speso migliaia di euro per brevi soggiorni fuori porta in compagnia delle sue donne, spese superiori a quanto consentirebbe l'ordinario tenore di vita di un parroco.

LA FOTO NUDA ONLINE. Il sacerdote, probabilmente, contattava potenziali clienti da fare incontrare alle sue amanti su siti per incontri hard. Sono in corso accertamenti anche in tal senso. In particolare, la parrocchiana titolare della denuncia nei confronti del religioso avrebbe riferito di essersi riconosciuta in una foto senza veli pubblicata su un portale a luci rosse e di avere chiesto l'immediata rimozione dello scatto al suo amante. Amante che, alla sua decisione di abbandonare quella relazione, l'avrebbe minacciata di divulgare i suoi video hard (catalogati con i nomi dei papi) e, in un'occasione - sempre secondo il racconto della presunta vittima -, le avrebbe anche puntato contro un coltello per farla desistere dai suoi propositi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento