menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Profughi nei capannoni, Bitonci "Affronto, mettiamoli al Quirinale"

Il sindaco di Padova respinge l'ultima proposta della Prefettura in merito all'accoglienza dei migranti nella provincia euganea: "Chiederci di ospitare nei capannoni industriali dei clandestini è inaccettabile"

"Chiederci di ospitare nei capannoni industriali dei clandestini è un affronto inaccettabile". Così il sindaco di Padova Massimo Bitonci commenta la nuova proposta della Prefettura per accogliere i migranti in arrivo nella provincia euganea.

BITONCI. "Abbiamo pagato più di chiunque altro in questo paese - afferma Bitonci - abbiamo mantenuto sprechi e inefficienze che il Governo centrale non è riuscito a ridurre. Abbiamo lavorato sempre, abbiamo investito, creato opportunità e portato nel mondo il nome del nostro paese. Ora stiamo subendo gli effetti di una crisi che non abbiamo causato - prosegue - e che continua a mietere vittime fra imprenditori, artigiani e operai".

"METTIAMO I CLANDESTINI AL QUIRINALE". "Respingo la proposta della Prefettura - incalza il sindaco - e di chi contatta imprenditori del territorio per scaricare sulle loro spalle i clandestini che sbarcano sulle nostre coste e piazzarli nei capannoni. Dallo Stato ci attendiamo politiche che favoriscano il lavoro - conclude - nei capannoni rimettiamo gli operai, gli artigiani, le donne e gli uomini che hanno reso ricco il Veneto. Il Quirinale ha 1200 stanze: i clandestini mettiamoli là".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento