menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Proteste contro i profughi, dura nota sul sito della chiesa di Abano Terme: "È razzismo"

"Il Consiglio Pastorale del Sacro Cuore di Abano Terme osserva con grave preoccupazione i segni del degrado etico in cui affonda la città". Di seguito il testo integrale

Non passerà sicuramente in sordina, la nota diffusa domenica scorsa dal Consiglio Pastorale della chiesa del Sacro Cuore di Abano Terme. Il testo, pubblicato sul sito internet della parrocchia e rivolto alla comunità locale, ripercorre le recenti vicende che hanno segnato la vita pubblica della cittadina, dall'arresto del sindaco Luca Claudio, appena rieletto, all'ipotesi di un centro di accoglienza per i migranti nell'ex caserma di Giarre

Di seguito il testo integrale:

Il Consiglio Pastorale del Sacro Cuore di Abano Terme osserva con grave preoccupazione i segni del degrado etico in cui affonda la città.

A giugno l’arresto di alcuni funzionari comunali, di imprenditori locali e del sindaco non ha rappresentato soltanto il triste epilogo di alcune storie personali, ma la prova che la corruzione è per molti cittadini una normale pratica politica. Perché il primo cittadino era stato appena rieletto, tra grandi festeggiamenti, nonostante su di lui da più di un anno fosse in corso un’inchiesta giudiziaria di vaste proporzioni.

Pochi giorni or sono, la notizia che nella vecchia caserma di Giarre potessero essere ospitati alcune centinaia di profughi ha scatenato una reazione straordinaria. Le proteste di chi è preoccupato per i riflessi sulla vita cittadina e per la sorte degli infelici che vi saranno reclusi si sono mescolate con espressioni ed atteggiamenti di chiara impronta razzista. Espressioni ed atteggiamenti che sono inaccettabili, soprattutto in una città che per vocazione storica è dedita alla ospitalità e all’accoglienza.

La comunità cristiana non possiede soluzioni tecniche per risolvere i problemi, né schieramenti politici da appoggiare, ma sente l’obbligo di ricordare e praticare i principi che derivano dal Vangelo e dalla Dottrina Sociale della Chiesa. Primo tra tutti il principio di verità. I cristiani devono evitare i pregiudizi e non rincorrere i luoghi comuni, ma sforzarsi di rimanere fedeli ai fatti, ai dati obiettivi, all’esperienza personale. In maniera che il dramma dei profughi non diventi un comodo alibi per dimenticare i gravi problemi morali, sociali ed economici che la città possiede. Occorre poi rimettere al centro della comunità i valori della giustizia e della legalità, quali condizioni indispensabili per una sana vita civile, economica e politica. Infine bisogna tornare all’ospitalità non solo come un affare economico, ma prima di tutto come un valore etico da vivere con tutti coloro che ad Abano giungono dall’Europa e dal mondo. Certo, è facile essere ospitali con chi è bianco e paga l’albergo, più difficile è esserlo con il profugo che possiede un’altra cultura ed altro colore di pelle. Ma il valore dell’ospitalità e dell’accoglienza non funziona a fasi alterne e considera ogni essere umano degno di rispetto.

Per questo motivo, da anni, ad Abano il Centro di Aiuto alla Vita va incontro ai problemi di giovani mamme, soprattutto straniere, consentendo loro di portare a termine la gravidanza e di dare al mondo una nuova vita. Ora però il Centro rischia il collasso per le aumentate richieste di aiuto. Perciò l’invito che il Consiglio Pastorale rivolge a tutti è di aiutarlo in ogni modo, con sussidi economici e con opere di volontariato. È il contributo che la comunità cristiana può dare alla rinascita della città. Perché Abano può rinascere dal punto di vista economico e politico soltanto sulla base di un rinnovato impegno etico e culturale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento