menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Profughi in case private, Bitonci "Impugneremo i contratti d'affitto"

Il sindaco di Padova, dopo la raccolta firme e la decisione di aderire alla fiaccolata di protesta, contro l'accoglienza di migranti in appartamenti privati: "Dimostreremo che quest'operazione non è legale"

Continua la battaglia del sindaco di Padova Massimo Bitonci contro l'accoglienza di "cosiddetti profughi" in case private. Dopo la raccolta firme (le adesioni hanno toccato quota mille) e la decisione di aderire alla fiaccolata di protesta, il primo cittadino torna sull'argomento, rivolgendosi questa volta al sindaco di Verona, Flavio Tosi, ex Lega Nord, e candidato alle prossime elezioni regionali in Veneto.

BITONCI LANCIA LA RACCOLTA FIRME: Guarda il video

"IMPUGNEREMO I CONTRATTI". “Per contrastare l'arrivo di nuovi clandestini in case private impugneremo i contratti di affitto che le cooperative hanno stipulato o si apprestano a stipulare - ha dichiarato - dimostreremo che l'operazione pilatesca del ministro dell'Interno Angelino Alfano è illegale e non può proseguire. Ce lo chiedono le migliaia di padovani che stanno firmando in questi giorni contro l'arrivo di nuovi richiedenti asilo. Mi appello a Tosi - ha concluso - accolga a Verona tutti i clandestini che il suo alleato Alfano vuole mandare a Padova”.

CASE PRIVATE AI PROFUGHI, SALVINI PROVOCA: "Padovani volete un tetto? Chiamate in prefettura"

NONNA LASCIA LA SUA VILLA AI PROFUGHI. Le parole del sindaco Bitonci arrivano nelle stesse ore in cui a Padova si è diffusa la notizia di una signora di 90 anni che, colpita dalla strage al largo del Libano, ha deciso di affittare a metà prezzo la sua villetta a Sarmeola di Rubano all'associazione "Percorso Vita Onlus" per accogliere 10 migranti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento