rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca Bagnoli di Sopra

Profughi, ancora tensioni nell'hub di Bagnoli: rissa sfiorata, in tre non vogliono andarsene

Mercoledì mattina tre migranti si sono ripresentati nell'hub dopo essere stati trasferiti qualche giorno prima in una casa a due chilometri dall'ex base. Tensioni con le forze dell'ordine

Ancora tensioni mercoledì a Bagnoli nel centro di prima accoglienza per i migranti. A San Siro la protesta questa volta è scattata per il rifiuto del trasferimento di tre richiedenti asilo in una casa a poca distanza. Come riportano i quotidiani locali, i migranti hanno preferito tornare nell’hub. Sul posto le forze dell’ordine.

RISSA SFIORATA. All’origine della protesta la richiesta di essere trasferiti a Padova, in città, e non nelle strutture vicine all’ex base. I tre invece sono stati accompagnati a due chilometri da Bagnoli, in una frazione di San Siro conosciuta come Beolo, all’interno di una casa gestita da una cooperativa. I tre ghanesi non hanno accettato la destinazione, tornando a piedi a Bagnoli e preferendo la vecchia struttura sovraffollata. Giunti nell’hub hanno trovato il cancello sbarrato, come già successo qualche tempo addietro, venendo respinti. Le grida e le proteste dei tre hanno richiamato anche gli altri ospiti della struttura che due giorni prima avevano inscenato un’altra protesta chiedendo di andarsene.

FORZE DELL'ORDINE. Sul posto sono giunte alcune pattuglie dei carabinieri che costantemente presidiano il territorio e che spesso devono intervenire per sedare risse o piccoli tumulti. Per evitare ulteriori degenerazioni i tre sono stati fatti rientrare alla base. Spetterà al Prefetto decidere il loro destino. Dopo l’ennesimo episodio sono continuate le polemiche tra amministratori locali, che chiedono una risoluzione definitiva per il problema dell’ex base militare, alla saturazione ormai da diverso tempo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi, ancora tensioni nell'hub di Bagnoli: rissa sfiorata, in tre non vogliono andarsene

PadovaOggi è in caricamento