menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Volontariato dei profughi, prefetto "Un peccato Bitonci non partecipi"

Giovedì, altri quattro Comuni euganei hanno aderito al protocollo d'intesa. Patrizia Impresa, ai margini della firma: "Questo tipo di percorso darebbe beneficio non solo ai migranti, ma anche ai padovani"

Anche i comuni di Monselice, Rubano, Stanghella e Torreglia hanno aderito, giovedì, al protocollo d'intesa che consente ai migranti di svolgere, in attesa della definizione della procedura per il riconoscimento del diritto di asilo, in forma libera e gratuita, attività di volontariato con finalità sociale, civile e culturale, sulla base di specifici progetti condivisi con le amministrazioni locali.

I PROFUGHI FANNO VOLONTARIATO. Il documento già era stato firmato a fine luglio, in Prefettura, da Patrizia Impresa, dai sindaci di Este, Battaglia Terme, Baone e Due Carrare, e dalle cooperative sociali onlus (Ecofficina Educational, Percorso vita, Il Villaggio globale) che gestiscono i centri di accoglienza temporanea individuati in quei territori. Analoga intesa è stata estesa agli altri quattro comuni padovani, i cui primi cittadini hanno firmato assieme alle cooperative Ecofficina Educational, Città So.La.Re. e Altre Strade.

BITONCI. Contestualmente, il prefetto si è detto dispiaciuto della mancata adesione al progetto del sindaco di Padova Massimo Bitonci: "Questo tipo di percorso - ha detto - darebbe beneficio non solo ai profughi, ma anche ai padovani". Del resto, sull'argomento, il primo cittadino si era già espresso in occasione della prima firma, a luglio: "Padova rifiuta questo progetto - aveva detto - il motivo è semplice: la sua priorità è aiutare i residenti, non persone di cui non si conoscono storia e intenzioni, e che magari arrivano qui, dopo essere state cacciate da altri Comuni, proprio come quello di Este, dove hanno creato disordini. I richiedenti asilo non lavoreranno gratis - aveva aggiunto - essi infatti ricevono 35 euro al giorno. Da sindaco di Padova sono pronto a firmare un protocollo con la Prefettura e le cooperative che consenta di far lavorare i padovani residenti in città e in stato di bisogno, in cambio degli stessi benefit, quali vitto e alloggio, che oggi vengono riconosciuti solo ai cosiddetti migranti".

BAGNOLI. E, a proposito dell'intenzione, da parte del leader della Lega Nord, Matteo Salvini, di occupare l'ex base aeronautica di Bagnoli di Sopra, contro il suo possibile impiego come hub provinciale per accogliere i migranti, il prefetto ha dichiarato: "Certe forze politiche continuano a strumentalizzare il tema dei profughi per fini elettorali. Ma io faccio un altro lavoro, sono un tecnico e cerco di risolvere i problemi. Quella dell'ex base di San Siro - ha concluso - è un'ipotesi che stiamo attentamente valutando ma non è l'unica".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento