menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Profumi contraffatti

Profumi contraffatti

Il Natale sa di "tarocco", 9mila profumi contraffatti sequestrati

Sulle confezioni scritto "nome esemplificativo", ma non è bastato per evitare l'arrivo delle fiamme gialle. Indagini partite da via Piave a Mestre, una ditta fornitrice è di Piove di Sacco

Cercavano di salvarsi scrivendo sulle confezioni "il nome del marchio è riportato solo a titolo esemplificativo", ma una sentenza della corte di cassazione del 2012 ha già messo nero su bianco che merce del genere è da considerarsi contraffatta, e come tale non deve raggiungere gli scaffali dei negozi. Tutto il contrario di ciò che accadeva agli inizi di dicembre all'interno di un esercizio di via Piave a Mestre, dove i militari della guardia di finanza sono entrati e hanno sequestrato i primi flaconi.

Dopodiché le fiamme gialle del I Gruppo di Venezia hanno iniziato a controllare i punti vendita della stessa catena a conduzione cinese, imbattendosi alla fine in un totale di novemila confezioni di profumi contraffatti che riproducevano i marchi più celebri. Sotto la lente d'ingrandimento anche attività in centro storico e nella zona di San Donà. Tutti i brand principali sono stati "copiati": Gucci, Prada, Dior, Armani, Versace, Lancôme, Ferrari, Burberry, Dolce e Gabbana, Kenzo, Chanel, Fendi, Bulgari, Hugo Boss, Paco Rabanne, Calvin Klein, Roberto Cavalli.

I baschi verdi via via hanno risalito la piramide, raggiungendo anche chi riforniva i negozi dei profumi. In questo frangente sono state denunciate due persone di nazionalità cinese, legali rappresentanti delle ditte fornitrici, una di Piove di Sacco, l'altra nel Mantovano. Punti vendita "incriminati" sempre nel Piovese e nel Rodigino. In provincia di Venezia sarebbero quattro per ora gli esercizi visitati dalla Finanza, che fanno capo a un'altra coppia di cittadini cinesi, denunciata sempre per commercio di merce contraffatta. Naturalmente ora si attendono i risultati degli accertamenti tecnici volti a escludere che alcuni componenti dei profumi possano rivelarsi dannosi per la salute. Visto che il liquido finisce direttamente sulla pelle.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento