Progetto "eliminazione Epatite C in Veneto": i farmaci di terza generazione e le novità

Nel modello veneto ‘eliminare’ significa ridurre del 90% la prevalenza e l’incidenza dell’infezione. Per arrivarci, però, è necessario conoscere l’attuale prevalenza dell’infezione nei diversi serbatoi. I passi avanti in un convegno

La Regione Veneto è la prima in Italia che ha strutturato un programma di eliminazione dell’Epatite C che intende ridimensionare in maniera importante l’epidemiologia della malattia (del numero dei soggetti infetti) e delle conseguenze cliniche. Nel modello veneto ‘eliminare’ significa ridurre del 90% la prevalenza e l’incidenza dell’infezione. Per arrivarci, però, è necessario conoscere l’attuale prevalenza dell’infezione nei diversi serbatoi. Attualmente si stimano, con il gruppo di lavoro istituito ad hoc a livello Regionale, circa 5-6 mila soggetti a rischio, ancora da trattare, e circa 15-20 mila soggetti della popolazione generale. Per rendere efficace la presa in carico del paziente e, allo stesso tempo, per mettere in ‘rete’ tutti i protagonisti (dai Ser.D,  ai medici di medicina generale, ai centri specialistici), la Regione Veneto ha strutturato la piattaforma informatica online “Navigatore 2”, una delle maggiori novità del progetto "eliminazione dell'Epatite C in Veneto", una rete web di integrazione ‘territorio’-ospedale per la presa in carico del soggetto Hcv positivo nei diversi setting epidemiologici. 

Il convegno

Si torna a parlare di Epatite C e l’occasione è il convegno organizzato da Motore Sanità, con il supporto non condizionato di Gilead, Novartis e AbbVie, dal titolo “Medicina territoriale e gestione integrata della cronicità”, in programma a Palazzo Chiericati.  Sono intervenuti Giovanna Scroccaro, Direttore della Direzione farmaceutica, protesica e dispositivi medici della Regione del Veneto, presentando il programma regionale di eliminazione dell’infezione da Hcv; il Professor Alfredo Alberti, epatologo dell’Aou di Padova e Professore di gastroenterologia del Dipartimento di medicina molecolare dell’Università di Padova, che ha approfondisce il passaggio dall’eliminazione dell’Epatite C alla presa in carico del paziente e le novità circa le cure; sul tema dall’eradicazione del virus alla presa in carico del paziente Anna Maria Cattelan, Direttore Uoc Malattie Infettive Aou Padova e Felice Alfonso Nava, Responsabile SSD Sanità Penitenziaria Ulss 6 Euganea. Rispetto alla prima piattaforma online “Navigatore”, che fino ad ora ha collegato tra di loro solo i centri specialistici che trattavano soggetti con malattia di fegato, “Navigatore 2” si allarga ai Ser.D, al territorio, alle carceri offrendo così la possibilità di registrare il soggetto infetto su tale piattaforma e di adottare da parte di tutti i protagonisti della rete algoritmi e “comportamenti” standardizzati affinché ci sia per il paziente un accesso equo e omogeneo nelle diverse fasi della filiera di presa in carico, di trattamento e di follow up per gestire gli esiti a medio e lungo termine del paziente. Sono stati così sviluppati dal Gruppo di Lavoro vari algoritmi di presa in carico dei soggetti Hcv positivi, nei diversi setting epidemiologici. In Regione Veneto sono stati trattati dal 2015 ad oggi circa 9.000 pazienti.

L'impegno della Regione Veneto

L’impegno regionale si è focalizzato dall’inizio sulla programmazione annuale dei trattamenti per singola Azienda Sanitaria e assegnazione dei finanziamenti necessari a garantire l’acquisto dei farmaci. Alla programmazione è seguito un controllo puntuale non solo del numero di pazienti effettivamente trattati, bensì dei pazienti in attesa di trattamento. Per fare questo Regione Veneto ha affiancato già da subito al sistema di monitoraggio nazionale rappresentato dai Registri Aifa, il Registro Regionale Navigatore creato per censire i pazienti già valutati dai Centri e in attesa di trattamento. Regione e Aziende Sanitarie, in stretta sinergia monitorano costantemente le informazioni contenute nel registro Navigatore e si adoperano per evitare ritardi ingiustificati dei trattamenti. «Il nuovo programma di eliminazione dell’Epatite C – ha spiegato la dottoressa Giovanna Scroccaro - prosegue nel solco tracciato, ma si spinge oltre per rilevare il sommerso (pazienti infetti non noti) nella popolazione generale e in due aree particolarmente a rischio, quali i tossicodipendenti e i carcerati».

Le novità

Sul fronte delle cure dell'epatite C, ci sono delle importanti novità. «Oggi disponiamo di farmaci di “terza generazione”, farmaci pan-genotipici che funzionano contro tutti i genotipi dell’Epatite C, che quindi permettono di curare con la stessa efficacia tutti i pazienti – ha proseguito il Professor Alberti -. Le loro caratteristiche sono innovative: sono farmaci di grande maneggevolezza perché non hanno effetti collaterali importanti, possono essere anche combinati con altri farmaci senza troppe interferenze; sono efficaci con brevissimi cicli di trattamento, di 8 o 12 settimane (con un enorme vantaggio dei centri di cura che hanno meno carico di lavoro e quindi possono aumentare il numero dei trattamenti) eliminando definitivamente il virus nel 95%-98% dei casi. Inoltre costano un decimo di quello che costavano all’inizio. Oggi questo approccio terapeutico “più allargato” alla popolazione, indipendentemente dal grado di patologia raggiunto, permette di curare non più la malattia, ma l’infezione: l’approccio non è più solo di salute individuale (“ti curo perché sei malato”) ma anche di salute pubblica (“ti curo per non diffondere l’infezione”)».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui Colli: ciclista si scontra con un furgone, morto un 55enne

  • Rotogal brucia: inferno di fuoco all'alba. Il sindaco: «State in casa», Arpav monitora l'aria

  • Smantellato giro di prostituzione e casa di appuntamenti in un residence della Guizza

  • Live maltempo: a Padova e provincia black out e rami caduti, Venezia in ginocchio

  • Cadavere in un campo, è un cacciatore sessantenne scoperto da un agricoltore

  • Ciclista di 49 anni padovano viene travolto da un'auto nel veneziano: morto sul colpo

Torna su
PadovaOggi è in caricamento