rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca

I tram come mezzo di cultura: gli interventi artistici di Saverio Bonato e Nicola Zolin

Per più di un mese la mobilità urbana di Padova è diventata teatro di artisti visivi, musicisti, attori e performers che hanno utilizzano i linguaggi contemporanei per agire su pensiline, fermate, mezzi pubblici: è il progetto "Prossima Corsa"

"Prossima Corsa", progetto che ha preso il via nel mese di aprile, e che mira a sensibilizzare i cittadini all’utilizzo del mezzo pubblico attraverso la cultura, ha attivato una serie di azioni artistiche, musicali e performative capaci di interagire con la complessa varietà di coloro che si servono di autobus o tram.

Il progetto

Grazie alla rete di realtà culturali che hanno lavorato al progetto, per più di un mese la mobilità urbana di Padova è diventata teatro di artisti visivi, musicisti, attori e performers che hanno utilizzano i linguaggi contemporanei per agire su pensiline, fermate, mezzi pubblici, e per riflettere sul concetto di viaggio inteso anche come luogo di relazioni. In particolare, una delle operazioni che è tuttora in corso e che sta coinvolgendo con grande successo i cittadini quotidianamente, è l’intervento di due giovani artisti, Saverio Bonato e Nicola Zolin.

Autori

Da qualche settimana infatti i tram di Padova sono costellati di adesivi su cui sono riportati brevi esercizi, giochi di lettura, testi e parole chiave ideati da Saverio Bonato attraverso il progetto TramTram, che permettono di osservare il mondo circostante e di esperire i tragitti in tram secondo modalità di relazione inedite e più profonde. Le parole, visioni, frasi sono in tutto 66 e vanno da “Cambia prospettiva”, a “Presentati a chi ti sta di fronte”, passando per “Dimentica di scendere” fino ad arrivare alla poetica “Sei seduto sul cielo di Giotto, presta attenzione”, sempre accompagnati dagli hashtag #tramtram e #prossimacorsa. Gli esercizi diventano così l’interruzione di una monotonia a cui siamo spesso abituati mentre utilizziamo i mezzi. I cittadini sono inoltre invitati a partecipare con altre frasi, mandandole all’indirizzo tramtrampadova@gmail.com. Nicola Zolin ha lavorato invece all’interno dei tram su un intervento audio, il cui contesto è un fantomatico “Dipartimento di Sperimentazione Pseudoscientifica”: un’elaborazione narrativa che mescola realtà e finzione, re-codifica il paesaggio e gli elementi esterni della città, e dà vita a un ambiente sonoro inedito, che si fa comune e collettivo. Nei mezzi ci sono altri adesivi con dei QR code, da cui è possibile scaricare l’intera traccia audio per scoprire tutto lo svolgersi del racconto. 

Attenzione dei media

L’operazione virale sta riscuotendo curiosità, interesse ed entusiasmo da parte di chi prende i mezzi tutti i giorni o saltuariamente, e ne sono testimonianza foto e post condivise sui social network Facebook e Instagram. Le azioni di PROSSIMA CORSA si confermano veicolo per rimettere in gioco prospettive su luoghi, attraversamenti, percorsi, direzioni, incroci urbani, e vanno a ridisegnare quello spazio interstiziale che corre tra il punto di partenza e il punto di arrivo, conferendogli nuovo significato. PROSSIMA CORSA è un progetto sostenuto dalla Fondazione Cariparo nell’ambito del bando Culturalmente 2016 e realizzato da ASU – Associazione Studenti Universitari, Pulse, Legambiente Padova, Circolo Nadir, Officine Arte Teatro.

WhatsApp Image 2018-05-27 at 15.10.37-2

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I tram come mezzo di cultura: gli interventi artistici di Saverio Bonato e Nicola Zolin

PadovaOggi è in caricamento