menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ragazze povere ingaggiate per prostituirsi: un arresto a Padova

Fermato per un normale controllo stradale, un nigeriano 25enne con residenza svizzera è risultato destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal tribunale di Cagliari ancora nel 2011

Incappato in zona Stanga a Padova in un banale controllo stradale, lunedì mattina un 25enne nigeriano è finito in arresto in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa ancora nel 2011 dal tribunale di Cagliari nell'ambito di una vasta operazione che ha consentito di sgominare una rete criminale dedita alla tratta di giovani e povere nigeriane poi sfruttate nell'erogazione di prestazioni sessuali in vari paesi d'Europa.

MINACCE E RITI VUDÙ. La squadra Volanti della questura di Padova ha stretto le manette ai polsi a tale Sunday J., residente in Svizzera, accusato di sfruttamento della prostituzione e di tratta di esseri umani. Un centinaio le ordinanze emesse per i complici a vario titolo del 25enne, tassello di un'organizzazione criminale composta principalmente da nigeriani che si occupava di reclutare in patria delle giovani in gravi difficoltà economiche disposte a tutto pur di emigrare. A queste ultime veniva "anticipata" la spesa per il viaggio in Europa dove poi però avrebbero dovuto ripagare il proprio debito girando gli incassi ottenuti prostituendosi, sotto costante minaccia di eventuali ritorsioni o riti vudù.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento